DETRAZIONE SPESE VETERINARIE

Come gli scorsi anni, i proprietari di animali da compagnia ritroveranno nel 730 precompilato le spese veterinarie detraibili. Le inserisce l’Agenzia delle Entrate, basandosi sui dati trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria dai Medici Veterinari.

Per consentire la detrazione fiscale delle spese veterinarie sostenute nel 2018 attraverso il “730 precompilato”, i Medici Veterinari hanno trasmettesso i dati fiscali delle loro fatture relative al 2018. Una volta caricati nel Sistema Tessera Sanitaria (TS),  l’Agenzia delle Entrate li trasferiscei nel Modello 730 telematico.

Dal 2016, tutti i Medici Veterinari sono tenuti ad inviare al Sistema TS i dati delle fatture emesse nei confronti di persone fisiche per prestazioni che danno diritto alla detrazione fiscale (uno sconto sulle imposte dovute all’Erario) attraverso il Modello 730 (Dichiarazione dei redditi delle persone fisiche).

Le spese veterinarie sostenute da persone fisiche nei confronti di animali da compagnia detenuti per scopi non commerciali sono detraibili fiscalmente.

I contribuenti possono detrarre dall’Irpef il 19% delle spese veterinarie sostenute fino all’importo di 387,34 euro e limitatamente alla somma che eccede i 129,11 euro, per gli animali detenuti legalmente a scopo di compagnia o per la pratica sportiva (quindi, cani, gatti, volatili in gabbia e cavalli da corsa).
In pratica, la detrazione può consentire al massimo un risparmio d’imposta di 49,06 euro, cioè il 19% di 258,23 euro (importo massimo al netto della franchigia di 129,11 euro).
Il beneficio fiscale purtroppo è limitato ed è rimasto invariato, nonostante le proposte di innalzamento presentate tutti gli anni durante i lavori parlamentari sulle  manovre. Solo le agevolazioni per i cani guida per cechi sono state raddoppiate con la Legge di Bilancio 2019.

Il beneficio fiscale non spetta per gli animali destinati all’allevamento, alla riproduzione o al consumo alimentare, per gli animali allevati o detenuti nell’esercizio di attività agricole o commerciali, per quelli utilizzati per attività illecite o detenuti in casa illegalmente.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Altri animali

ORANGHI E BONOBO VACCINATI CONTRO COVID19

ORANGHI E BONOBO VACCINATI CONTRO COVID19             I dirigenti dello zoo di San Diego, California, a metà gennaio avevano annunciato che gorilla, babbuini, scimpanzè ed altri avevano contratto il Covid-19 Leggi tutto…

Gatti

LARRY, IL GATTO DI DOWNING STREET

LARRY, IL GATTO DI DOWNING STREET         Il 15 febbraio 2011 il Cats & Dogs Home (il canile/gattile) di Battersea Park consegnò il gatto Larry, europeo di quattro anni, al numero 10 Leggi tutto…

News

LA TUTELA DEGLI ANIMALI FINALMENTE IN COSTITUZIONE ?

LA TUTELA DEGLI ANIMALI FINALMENTE IN COSTITUZIONE ?         La Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente ha chiesto un incontro al presidente del Consiglio Mario Draghi e al ministro della Transizione Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: