ANIMALI E NEONATI (prima parte)

 

 

L’arrivo a casa di un neonato, soprattutto se è il primo, rappresenta per cani e gatti un evento nuovo che sconvolge la loro vita (oltre quella dei genitori!)

Il loro ambiente è invaso da odori nuovi e mai sentiti: il profumo del bambino, l’odore di creme e detergenti, quello delle pappe e dei pannolini. Queste novità tendono a invadere e coprire l’abituale “panorama olfattivo” della casa.
Anche sul piano acustico avvengono grandi cambiamenti: vagiti, pianti, urla, risate. Tutti suoni nuovi e inaspettati per cani e gatti.
Inoltre lo stile di vita della famiglia può cambiare radicalmente e spesso gli amici a quattro zampe, per motivi pratici e inevitabili, scendono di parecchi gradini nella scala gerarchica delle priorità.
Per questo motivo, qualche settimana prima del parto, è bene far comparire in casa la carrozzina, la culla, accessori e vestitini permettendo agli animali di casa di ispezionarli.
Esistono in commercio cd che riproducono vocalizzi, pianti e urla dei neonati e vanno fatti sentire molto spesso, associandoli a situazioni piacevoli come coccole, giochi, cibo, inizialmente a basso volume per poi aumentarlo gradualmente, ma decisamente.
.
La futura mamma può fare sdraiare accanto a sé cani e gatti facendo appoggiare la loro testa sul proprio addome affinché sentano la vita che lì si muove.

Se si ha un cane è importante instaurare delle regole prima che il bimbo nasca, cosicché non debba subire limitazioni o cambiamenti di vita in concomitanza dell’arrivo del neonato. Alcune tra le regole sono non saltare addosso, non fare giochi agitati e violenti, non strappare i giochi e/o il cibo di mano ai proprietari.

Spesso il cane non ha familiarità con il modo di muoversi dei bimbi, perché abituato a relazionarsi con persone adulte. Per lui l’umano è qualcuno che si regge su due gambe, con movimenti articolati, tende a non cadere, porta le braccia vicino al corpo e parla. Un neonato non ha nessuna di queste caratteristiche agli occhi del cane per cui il suo vagire, rimanere sdraiato, non parlare, non camminare e fare strani movimenti con le braccia e le gambe lo rende un essere anomalo che può suscitare curiosità, ansia, paura e può arrivare a risvegliare in lui l’istinto predatorio. In questi casi è utile portare il cane a vedere giocare bambini molto piccoli al parco così che inizi ad abituarsi al loro modo di muoversi.

Avvenuto il parto, mentre mamma e bambino sono in ospedale, è utile portare a casa delle cose con l’odore del bimbo, favorendo e premiando con parole, con carezze e cibo le interazioni positive che cani/gatti mettono in atto con questi oggetti. (continua)

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Cani

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.             Quando si fanno escursioni in montagna, è facile incontrare mucche al pascolo.   L’incontro con gli animali sul pascolo richiede prudenza. Occorre ricordare che un Leggi tutto…

Arte

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES             La Cattedrale di Nantes, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, ospita il monumento sepolcrale dei Duchi più amati dai Bretoni: Francesco II di Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: