I CANI DI DINO BUZZATI

Oggi, 28 gennaio, ricorre l’anniversario della morte di Dino Buzzati (classe 1906), giornalista e scrittore di chiara fama, nonché pittore, avvenuta nel 1972.

Un guinzaglio, con ricamate stelle alpine e cuori, assieme a tante rappresentazioni diverse di cani sono nella sua casa, a ricordo e testimonianza dell’amore che lui aveva per gli animali e per i cani in particolare.

Fino a prima della II Guerra Mondiale non ne ebbe nessuno, ed era anche cacciatore. Ma, dopo aver vissuto gli orrori della guerra, del sangue e della sofferenza, smise con la caccia, e iniziò a tenere cani.

Compaiono in vari suoi dipinti e scrisse molto su di loro: in quasi tutte le sue raccolte di racconti se ne può trovare con argomento canino o animale.

É stata pubblicata una raccolta che si chiama Bestiario e che ne contiene la maggior parte.

Per ricordarlo, oggi, vi propongo un monologo che incise per la Rai, il 10 marzo 1959.

“I miei cani”

Io posseggo, e sono posseduto, da tre cani vivi e meravigliosi, forse non più belli degli altri cani che onorano questa valle di lacrime, comunque abbastanza meravigliuosi. E cari.
Il primo è una boxer, di nome Tromba. Donde il vezzeggiativo Trombettina e l’abbreviazione Bettina, che comunemente si usa. Peccato che le abbiano tagliato male le orecchie, le quali pendono come quelle di un pipistrellino, ciò che non basta ad offuscare la sua sinuosa e provocante bellezza. Creatura misteriosa, come sono troppo spesso le donne. Ha cinque anni. O sei? Preferisco non appurare. L’età dei cani fa paura. Vivono troppo poco. Vivono troppo meno di noi. Siamo costretti a vederli morire.
Il secondo è un boxer, di nome Napoleone III, però il terzo, nei discorsi familiari, viene per lo più tralasciato. È di ottima razza ma eccessivamente prognato, vale a dire la mascella inferiore è troppo sporgente. Per le sue forme e il suo comportamento, definirli sconcertanti è dire poco. Simpaticissimo e candido. Non ha ancora compiuto un anno. Di stupidità commovente.

Risultati immagini per dino buzzati cani

Il terzo è un bulldog di nome Cicci, inglese. Ha appena compiuto tre mesi e sta tra l’ippopotamo, la cornamusa, il baule e gli angiolini di Raffaello Sanzio. Chi lo vede ne resta attanagliato. Arriverà molto, ma molto in alto, lasciatemelo credere. Non dico Presidente del Consiglio, ma quasi.

Risultati immagini per dino buzzati cani

Immagine correlata

Immagine correlata

Io posseggo, e sono posseduto, da quattro cani morti e meravigliosi, forse non più belli degli altri cani defunti nell’eternità del passato, che onorano questa valle di lacrime, comunque molto meravigliosi.
Il primo è un piccolo barbone e s i chiama Tobi. Morì di nefrite alla Clinica veterinaria di Milano, coperto da una piccola gualdrappa di lana; e i medici, benchè scienziati, furono molto pietosi.
Il secondo è un boxer di razza dubbia e si chiama Napoleone. Era giovinezza e primavera. Morì sotto un’automobile.
Il terzo è un magnifico barbone e si chiama Tobi come il precedente. Era un cane di immense capacità spirituali, capace di prendere da solo il tram giusto per andare da piazza della Repubblica a piazza Piemonte, e viceversa. Il tutto senza pagare il biglietto.
Il quarto è Napoleone II, il cane cui ho voluto e voglio ancora più bene. Non era un genio, ma non saprei dire il perchè, era un cane immenso. Era il Moloc, era il dio degli Atzechi, era Sua Maestà, era la vita. Anche lui è morto. Di lui non resta più nulla se non una breve macchia sul muro bianco, sotto il tavolino, là dove si accucciava quando era arrabbiato o malinconico.
In questi giorni ho fatto imbiancare la casa ma quella macchia ho voluto che non la togliessero. È l’ultima cosa al mondo che rimane di lui, povero Napoleone. Però io la guardo, questa macchia ( più che macchia è un’ombra sull’intonaco bianco). Di giorno in giorno misteriosamente impallidisce. Il tempo si porta via anche quella. Maledetto.

 

Risultati immagini per dino buzzati cani

Leggete anche questo articolo:

16 OTTOBRE 1972: NASCEVA DINO BUZZATI

 

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

News

LUCCA, CITTÀ A MISURA D’UOMO E ANIMALI

LUCCA, CITTÀ A MISURA D’UOMO E ANIMALI         Gli esperti dell’Università di Pisa hanno realizzato un progetto, “In habit” per rendere Lucca la prima città smart in tutta Europa, progettata a misura Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: