WORLD VETERINARY DAY 24 APRILE 2021

 
 
 
Animali: vita nuova a Firenze | La Terrazza di Michelangelo
 
 
 
Quest’anno la Giornata Mondiale Veterinaria si svolgerà sabato 24 aprile.
 
Il tema di quest’anno è “The Veterinarian Response to the Covid-19 Crisis”.
I professionisti veterinari sono stati letteralmente gettati nel fuoco quando hanno dovuto affrontare la pandemia.
 
Ovviamente, il temuto Corona Virus non era una parola nuova per i Medici Veterinari, professionisti esperti, ma COVID-19 è stato un vortice che nessuno si aspettava. Infermieri e medici umani hanno dovuto affrontare la sfida impossibile di stare al passo con il benessere mentale e fisico del pubblico e di se stessi.
 
Salutiamo tutti gli opetatori sanitari e siamo per sempre in debito con loro. Abbiamo sentito di dover menzionare e dare loro un meritato ringraziamento prima di immergerci nuovamente nel mondo veterinario.
 
I Medici Veterinari dovevano anche affrontare una sfida follemente nuova e impegnativa: la sfida di trattare con il pubblico in generale mentre cercavano di curare i loro amici pelosi e di stare al sicuro.
 
“Il mondo ha bisogno di professionisti Medici Veterinari.
Non solo perché i nostri animali hanno bisogno di medici, ma per il tipo di persone che sono.
Sono persone altruiste, premurose e compassionevoli che non si fermeranno davanti a nulla per assicurarsi che il vostro familiare a quattro zampe stia bene.
 
Quindi, ripetiamo che il mondo ha bisogno di professionisti Medici Veterinari semplicemente perché il mondo ha bisogno di persone migliori. Noi, ovviamente, siamo di parte quando si tratta di Medici Veterinari e dei loro poteri sovrumani, ma leggete perché esiste un giorno assegnato per celebrare la Medicina Veterinaria.
 
 
 
Risultati immagini per GIORNATA Mondiale veterinario
 
 
 
Nel 2008 è stato creato il World Veterinary Day Award per riconoscere e premiare chi ha dato una consapevolezza e un contributo stellari al tema degli anni in corso.
Qualsiasi membro della WVA può entrare e partecipare.
 
Di seguito sono elencati i vincitori degli ultimi cinque anni, il tema e i loro sforzi per ottenere il premio:
 
2020: Vincitore – Indian Veterinary Association – Kerala.
Tema: “-Protezione ambientale per migliorare la salute degli animali e dell’uomo.”
 
Durante l’inizio della pandemia, l’Associazione Veterinaria Indiana ha spostato i suoi sforzi verso la consapevolezza della sicurezza virtuale attraverso la partnership e l’impegno con i professionisti veterinari. Hanno organizzato 75 attività WVD (Windows Virtual Desktop) per sensibilizzare e sostenere il tema dell’anno.
 
2019: Vincitore- Uganda Veterinary Association (UVA).
Tema- Valore della vaccinazione
 
UVA ha organizzato campagne di vaccinazione, interviste radiofoniche, seminari, workshop, programmi di orientamento per aumentare la consapevolezza sul valore della vaccinazione.
 
2018: Vincitore – Uganda Veterinary Association (UVA).
Tema – Il ruolo della professione veterinaria nello sviluppo sostenibile per migliorare i mezzi di sussistenza, la sicurezza alimentare e la sicurezza.
 
UVA ha organizzato molte attività per riconoscere il tema, come talk show radiofonici, seminari, documentari e conferenze stampa.
 
2017: Vincitore – The National Council of the Order of Veterinarians of France.
Tema – Resistenza antimicrobica: dalla consapevolezza all’azione.
 
Per ottenere questo premio, questa organizzazione ha tenuto riunioni, sessioni di formazione continua, congressi nazionali, simposi, ecc. Tutti questi sforzi hanno esemplificato come combattere la resistenza agli antibiotici aumentando la consapevolezza in tal senso.
 
2016 Vincitore – Jamaica Veterinary Medical Association (JVMA).
Tema- Formazione continua con focus One Health.
 
Il loro impegno più apprezzato è stata la promozione e l’organizzazione del progetto One Health One Caribbean One Love. Il progetto mira ad aumentare la salute e la produzione degli animali e la sicurezza alimentare nei paesi caraibici. A tal fine, il progetto ha promosso un monitoraggio, una risposta e una diagnosi adeguati delle malattie zoonotiche e di origine alimentare.
 
L’anno scorso, 2020, ha dimostrato cosa può fare la malattia a una nazione globale. Anni fa, un virus mortale chiamato peste bovina ha attaccato il bestiame fino a quando non è stato dichiarato debellato nel 2011 attraverso la vaccinazione. Oggi è l’unica malattia animale che sia stata completamente debellata.
 
La peste bovina veniva trasmessa tra i bovini tramite goccioline. Il bestiame si infettava inalando quellee goccioline attraverso il respiro, le secrezioni o le escrezioni. Sebbene la peste bovina non costituisse una minaccia per gli esseri umani, influenzò la loro vita provocando la carestia, che causò molte morti.
 
Nell’aprile del 1863 ad Amburgo, in Germania, si tenne un’assemblea generale tra medici per discutere della peste bovina. Il professor John Gamgee estese l’invito a Medici Veterinari e professori di Medicina Veterinaria di tutta Europa. L’obiettivo principale di questo incontro era discutere le malattie epizootiche e elaborare regole standard per il commercio di bestiame che tutta l’Europa potesse seguire.
 
Questo incontro divenne il primo Congresso Internazionale di Veterinaria (WVC).
In Spagna nel 1959, al 16 ° WVC, fu fondata la World Veterinary Association. La missione della WVA è “fornire una leadership globale per la professione veterinaria e promuovere la salute e il benessere degli animali e la salute pubblica, attraverso la difesa, l’istruzione e la collaborazione”.
 
La WVA rappresenta i veterinari di tutto il mondo e ha deciso nel 2000 che ci doveva essere una giornata dedicata alla celebrazione della professione veterinaria, e si è ritenuto che l’ultimo sabato di aprile fosse la Giornata Mondiale Veterinaria.
 
La Giornata Mondiale Veterinaria è una giornata per promuovere la professione veterinaria e lavorare per migliorare il benessere degli animali e dell’uomo, l’ambiente, la sicurezza alimentare, il trasporto degli animali e la quarantena.
Ogni anno la Giornata Mondiale Veterinaria ha un tema specifico per promuovere la consapevolezza su un particolare argomento.
 
L’importanza dei veterinari durante la pandemia del Covid-19
 
Quando è iniziata la pandemia, nessuno aveva molto spazio per fare qualcosa. Riteniamo che sia abbastanza sicuro affermare che nessuno attualmente al lavoro abbia mai affrontato una pandemia prima, considerando che l’ultima è stata 100 anni fa. Ciò ha lasciato la maggior parte dei professionisti veterinari da soli a navigare nelle sue acque agitate.
 
Come si è appreso, “lo spettacolo deve continuare”.
Gli animali si facevano ancora male, si ammalavano sempre e richiedevano persino esami e analisi per verificare il loro stato di benessere, indipendentemente dal mondo esterno che stava “crollando”.
La carta igienica e gli asciugamani di carta venivano accumulati, il cibo veniva immagazzinato e la gente era nel panico.
A casa tutti bene. Le buone notizie dal mondo col Coronavirus – Liberementi
Si deve ammettere che c’era dell’invidia per l’ignoranza con cui gli animali hanno affrontato, e affrontano, il periodo. mentre in tutto il mondo i Medici Veterinari respiravano pesantemente e sviluppavano “maskne” (indica l’unione di mascherina e acne, questa condizione comprende una serie di reazioni della pelle che possono avere origine dall’uso prolungato di questo dispositivo di protezione)” 🙂
Ciononostante, sarebbe stata stabilita una nuova normalità e un anno dopo, possiamo spingere e utilizzare le competenze che abbiamo acquisito per gestire questa pandemia.
Le due abilità più preziose sono l’adattamento e l’anticipazione.
 
I professionisti Veterinari non sono estranei ai dispositivi di protezione individuale (DPI) e si ritrovano ad attrezzarsi ora più che mai. Questa volta, tuttavia, la protezione va dall’uno all’altro invece che verso gli animali. Indossare sempre questa nuova “uniforme” fornisce una sicurezza durante il lavoro essenziale.
 
Essere considerati essenziali ha un grande peso.
Essere essenziali significa essere necessari e noi come forza lavoro siamo e saremo sempre necessari. I Medici Veterinari durante la pandemia di Covid-19 hanno svolto un ruolo specifico nel mantenere i proprietari sicuri e calmi con i loro animali.
 
I professionisti Veterinari non solo si sono messi in gioco per continuare a curare gli animali domestici, ma hanno anche aiutato ad aiutare nella causa. Gli ospedali veterinari di tutto il mondo hanno offerto volontariamente le loro attrezzature e il loro tempo per aiutare a combattere la lotta contro COVID-19.
Sars-CoV-2 avrà per sempre un impatto sul nostro mondo. Cambierà per sempre il modo in cui vediamo le cose, cambierà il modo in cui reagiamo in determinate situazioni e potrebbe anche semplicemente mantenerci super paranoici quando si tratta di germi.
 
Per non parlare degli effetti che ha avuto sulle imprese e sulla medicina in generale. Quali aree sono state influenzate dagli effetti del Covid-19? Ci sono due aree da esplorare qui, gli impatti operativi e gli impatti finanziari. Ovviamente, questi impatti variano da pratica a pratica e dal luogo.
 
Alcune località non hanno preso sul serio (e ancora non lo fanno) COVID-19 come altre.
Le pratiche veterinarie hanno dovuto apportare enormi cambiamenti per adattarsi al nuovo mondo che stanno affrontando. Cambiamenti che garantiscono cure veterinarie eccezionali e continuate, ma anche la sicurezza dei suoi clienti e dipendenti.
 
In pieno lockdown, le operazioni subirono un rinnovamento .
Spesso i pazienti venivano visitati sul marciapiede o lasciati a terra; seguiti da una telefonata per discutere dello stato di salute dei loro animali domestici, venivano eseguite consulenze online. Ciò limitava l’esposizione tra le persone ma aumentava l’ansia nei proprietari perché il loro animale domestico non veniva visitato come al solito..
 
La fiducia è un fattore significativo che deve essere dimostrato affinché questo processo funzioni. Se non ti fidi del tuo Medico Veterinario per prendersi cura del tuo amico peloso, allora semplicemente non funzionerebbe il rapporto Medico/paziente/cliente..
 
Ai clienti veniva anche chiesto di effettuare pagamenti contactless e di fornire dati di carte di credito per telefono, e il Medico Veterinario doveva fidarsi che i proprietari pagassero dopo che i servizi erano stati completati.
 
Altri processi operativi erano stati adattati, come una migliore igiene e misure di pulizia, il mandato della maschera, il gel per le mani ed i guanti, l’igienizzazione completa di tutte le aree tra gli appuntamenti e il lavoro con squadre ridotte.
Molte Cliniche hanno dovuto licenziare membri del personale per limitare la quantità di esposizione e contenere i costi.
 
La speranza è che questa pandemia , attraverso le vaccinazioni, e con il raggiungimento dell’immunità di gregge finisca, e si verifichi quanto successo con la peste bovina: che sia completamente debellata!
(notizie prese dal sito ufficiale)
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.
Categorie: RicorrenzeSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Altri animali

IL CONIGLIO ANZIANO

IL CONIGLIO ANZIANO       Il coniglio comincia a invecchiare intorno ai 7-8 anni. Certi superano i 10 anni di età senza problemi, mentre altri possono presentare i tipici problemi dovuti all’invecchiamento del corpo. Leggi tutto…

Arte

24 GIUGNO: SAN GIOVANNI BATTISTA

24 GIUGNO: SAN GIOVANNI BATTISTA       Nel 1472 Francesco del Cossa eseguì una tempera ad uovo su tavola raffigurante San Giovanni Battista, per la pala d’altare di una cappella nella basilica di San Leggi tutto…

Cani

ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO

ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO       Il ginocchio è un’articolazione complessa formata da: –  più ossa (femore, tibia e rotula), – la cartilagine articolare di queste ossa, – i legamenti che mantengono uniti il Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: