THE DAY AFTER – IL GIORNO DOPO

I proprietari di cani attendono con impazienza che il capodanno sia passato, per non avere più problemi con i propri amati amici pelosi: niente più botti, fine dell’ansia.

Dopo aver passato un giorno al riparo in casa, protetti dal rumore dei fuochi artificiali, i cani desiderano impazientemente riprendere la loro routine, fatta di passeggiate, “annusamenti”, marcatura del territorio, rilevamento di cose nuove…
Bisogna però fare attenzione, perché molti cani possono incuriosirsi con i residui dei botti, masticarli e addirittura ingerirli.

Oltre alla possibilità di trovare dei botti difettosi, non ancora scoppiati, che causerebbero come minimo spavento e bruciature, il rischio concerne la presenza di sostanze chimiche tutte dannose per i cani: nitrato di potassio, zolfo, carbonio, cadmio, bario, oltre a vari agenti coloranti che possono contenere metalli pesanti, come il mercurio, l’antimonio, il rame, lo stronzio e fosforo.
Se ingeriti in grande quantità si può instaurare anemia, oltre a disturbi gastrointestinali procurati dalla polvere da sparo.
Tra i sintomi compaiono debolezza, tremiti, convulsioni, difficoltà respiratorie, insufficienza renale acuta, cambiamenti a livello del midollo osseo e itterizia.

Se sospettate che il vostro cane abbia ingerito fuochi artificiali dovete rivolgervi immediatamente al vostro Medico Veterinario, o a un Pronto Soccorso Veterinario.
Se la dose ingerita è minima e non sono passate più di due ore le possibilità di un esito favorevole sono buone, mentre se la quantità è maggiore, ed è passato più tempo la situazione diventa più critica e potrebbe essere necessario un ricovero.

Se vivessimo in un mondo perfetto, non ci sarebbero più botti, e qualora ci fossero, le persone che tanto si sono divertite con gli scoppi e le luminarie, farebbero subito pulizia di quanto utilizzato, non lasciando residui a terra.
Poiché questo mondo è bello, ma non molto perfetto, i proprietari di cani delle zone “bombardate” dai fuochi artificiali non dovranno liberarli dal guinzaglio nemmeno nelle aree dedicate, e dovranno monitorare le loro attività, per mantenerli al sicuro dal contatto con le sostanze tossiche.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare..
Categorie: CaniSaluteVarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Cani

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.             Quando si fanno escursioni in montagna, è facile incontrare mucche al pascolo.   L’incontro con gli animali sul pascolo richiede prudenza. Occorre ricordare che un Leggi tutto…

Arte

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES             La Cattedrale di Nantes, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, ospita il monumento sepolcrale dei Duchi più amati dai Bretoni: Francesco II di Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: