RICHIESTA DI TAGLIO IVA VETERINARIA

 
Gatos esterilizados
 
 
 
Comunicato Stampa ANMVI
 
Dopo gli Stati Generali dell’Economia, il Governo prepara il “Piano IVA”. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte starebbe pensando di “dimezzare le aliquote” per rilanciare i consumi. Il piano si inserisce in una cornice di emergenza economica eccezionale che ha portato con sè la caduta dei vincoli di bilancio e delle clausole di salvaguardia. Sullo sfondo c’è il piano di rilancio europeo, il cosiddetto Recovery Fund che destinerà importanti risorse al nostro Paese.
 
“Il taglio dell’IVA sulle cure animali è doveroso” -fa notare l’ANMVI in un comunicato stampa, rilanciando l’IVA al 10% per la prevenzione e per le cure contro le malattie animali. “Dopo COVID-19 la salute animale non può più essere considerata un lusso superfluo”. L’Associazione si rivolge a tutte le forze politiche.
 
“Sono finalmente saltate le clausole di salvaguardia che per anni hanno strangolato le cure veterinarie- dichiara il Presidente dell’ANMVI Marco Melosi. “E’ arrivato anche il momento di scendere allo scaglione agevolato del 10%, lo stesso dei medicinali veterinari”. Stabilmente e non solo in fase emergenziale.
 
Applicando alle prestazioni veterinarie l’aliquota massima del 22% si è generato un onere fiscale particolarmente pesante per milioni di proprietari di animali da compagnia (una famiglia su tre) sia per i proprietari di animali da reddito e d’allevamento che ricevono cure veterinarie private. La crisi economica post-emergenza renderà ancora più gravoso sopportare questo peso fiscale da parte dei contribuenti privati, con il rischio di incrinare la salute e il benessere animale.
 
COVID-19 ha insegnato che è finito il tempo di considerare la sanità veterinaria un lusso o un bene superfluo da tassare. Le epidemie presentano il conto. “Al contrario- fa notare l’ANMVI- lo sviluppo delle prestazioni veterinarie, migliorando la salute degli animali, può generare risparmi di spesa pubblica”.
 
Inoltre, incentivare lo sviluppo della salute e del benessere animale contribuirà ad allineare l’Italia alle politiche europee “one health”, di sostenibilità, di sicurezza alimentare from fark to fork e di integrazione fra Salute-Agricoltura-Ambiente.
 
 
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CARDIOPATIE DEI CANI? NUOVO TEST DIAGNOSTICO.

CARDIOPATIE DEI CANI? NUOVO TEST DIAGNOSTICO.     “L’esame radiografico è un passaggio fondamentale nell’iter diagnostico delle patologie cardiache canine. Il problema nella diagnosi tramite questa metodologia clinica è l’estrema eterogeneità morfologica del “paziente canino”. Leggi tutto…

News

ENCEFALITE DA LYSSAVIRUS IN UN GATTO: IL CASO

ENCEFALITE  DA LYSSAVIRUS IN UN GATTO: IL CASO              A giugno si è verificato il primo caso in Italia di encefalite da Lyssavirus in un gatto di proprietà, residente ad Leggi tutto…

News

ACQUISTO RESPONSABILE

ACQUISTO RESPONSABILE     Sempre più spesso noi, Medici Veterinari, abbiamo a che fare con pazienti che provengono da un acquisto irresponsabile, soprattutto on line. Léon Arnts, componente della Piattaforma europea del benessere animale, ha Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: