OTOEMATOMA

 
 
OTOHEMATOMA en los perros. Qué es, qué lo causa y cómo tratarlo
 
 
L’otoematoma è una fastidiosa malattia del padiglione auricolare frequente nel cane, più rara nel gatto.
 
Si tratta di una raccolta di liquido siero emorragico all’interno della lamina cartilaginea, nella parte concava del padiglione auricolare dell’orecchio, che parte solitamente dalla base verso l’apice.
La rottura della cartilagine e del vaso sanguigno al suo interno determinano la fuoriuscita di un’importante quantità di un liquido sieroso spesso scarsamente emorragico.che si raccoglie all’interno della pinna auricolare, formando un ematoma visibile come una specie di cuscinetto all’interno dell’orecchio.
 
La causa primaria dell’otoematoma del cane è ancora sconosciuta e soggetta a diverse ipotesi oggetto di dibattito accademico.
Sono molteplici e tra le più importanti abbiamo l’otite media ed esterna, soprattutto causate dalla presenza di otodectes cynotis (rogna otodettica) che oltre al fastidio con conseguente autotraumatismo, sembra possa stimolare una reazione autoimmunitaria che culmina nell’otoematoma..
Non tutti i cani affetti da otoematoma però presentano acari, e non tutti quelli che soffrono di acariasi vanno incontro all’otoematoma.
L’otite esterna, riscontrata molto spesso, conferma l’ipotesi che lo scuotimento della testa sia coinvolto nella genesi dell’otoematoma.
 
Il trauma del padiglione è fra le cause più comuni, sia dovuto allo scuotimento che al grattamento con l’arto posteriore.
Lo scuotimento dovuto a patologie molto pruriginose non è però sempre seguito da ematoma, e il grattamento riguarda solitamente la parte esterna del padiglione.
L’eccessivo scuotimento della testa può presentarsi anche dopo un bagno o una nuotata, per liberarsi dall’acqua.
Esiste anche un’ ipotesi controversa ma suffragata dal fatto che l’otoematoma risponde molto bene a trattamenti con cortisonici: patologie immunitarie forse di origine autoimmune. Si è ipotizzata pure la presenza di ipersensibilità, soprattutto atopia che presenta spesso lesioni alla faccia interna del padiglione.
 
Tutti i tipi di cani possono presentare otoematoma quindi non è collegata ad alcune razze e non ad altre.
Quando però il cane soffre o ha sofferto spesso di otiti, il disturbo può diventare più frequente soprattutto in determinate condizioni o se la malattia non è stata curata definitivamente.
 
Riconoscere questa patologia è molto semplice in quanto è evidente il rigonfiamento del padiglione sulla parte interna, a volte solo localizzato, altre invece diffuso a tutto il padiglione auricolare unito allo scuotimento frequente della testa e all’aumento di calore e dolore, non eccessivo però, della parte.
 
Il paziente viene portato dal Medico Veterinario di solito dopo insorgenza acuta della lesione, anche se la presenza notevole di fibrina e siero fanno pensare a una patologia non recente.
 
La terapia può essere medica o chirurgica. Si preferiscono le tecniche chirurgiche per i migliori risultati estetici e curativi.
Il mancato trattamento porta raggrinzimento e deformità del padiglione.
 
Il trattamento medico farmacologico si basa sull’ipotesi autoimmunitaria della lesione, e consiste in pulizia della parte con aspirazione del liquido contenuto. Si inoculano all’interno desametazone e gentamicina, che vanno somministrati anche per via generale.
 
Otohematoma canina: o que é e como tratar? - MelhorAmigo.Dog
S può eseguire un drenaggio temporaneo con l’incisione agli apici della lesione, svuotamento del contenuto ed inserimento di un drenaggio all’interno.
Per questa tecnica si necessita però un coinvolgimento responsabile del proprietario che deve pulire il drenaggio e pulire e medicare le ferite più volte al di, nonché massaggiare il padiglione.
SI fa un bendaggio comprimente e deve essere usato il collare Elisabetta.
Si rimuove il drenaggio dai 7 ai 28 giorni, quando dallo stesso non esce più nulla.
 
Si può intervenire con Incisioni e suture che prevedono l’incisione per tutta la lunghezza della lesione unendo una sutura trapassante a tutto spessore con punti ad U secondo l’asse longitudinale del padiglione.
Si devono rimuovere il liquido e la fibrina contenuti per facilitare la cicatrizzazione.
Dopo l’intervento è necessaria una fasciatura che mantenga la forma del padiglione e un collare Elisabetta per evitare autotraumatismi. I punti vanno tolti dopo 2-3 settimane.
 
 
Fica Cãomigo: FRED e seu OTOHEMATOMA
 
 
Possono insorgere recidive frequentemente nel trattamento farmacologico o in quello chirurgico quando la tecnica non è appropriata. come non mettere un sufficiente numero di punti di sutura per cui si lasciano troppi spazi dove si ridepositano la fibrina ed il liquido.
Un altro inconveniente è di natura estetica con il raggrinzimento e deformità più o meno marcata del padiglione.
 
 
Otoematoma nel cane e gatto: cos'è e come si cura
 
 
Indispensabile per il buon esito della terapia resta comunque la risoluzione del problema originario, la cura dell’otite, parassitaria o non.
Esiste una tecnica più dolce e meno invasiva che utilizza il platelet rich plasma (Prp).
Non occorre anestesia, né medicazioni e la guarigione avviene in una quindicina di giorni circa.
Si utilizza una preparazione omologa di piastrine concentrate isolate da un campione di sangue venoso del piccolo paziente. Il campione viene centrifugato in modo standardizzato.
Poi il tutto viene arricchito con un attivatore specifico, e quindi inoculato direttamente nella pinna dell’orecchio del cane che non sente alcun fastidio durante l’intera operazione.
È stato dimostrato che una preparazione ricca di piastrine applicata su ferite, lesioni ed esiti di interventi chirurgici, favorisca la guarigione del tessuto.
 
Questa tecnica viene utilizzata in medicina umana in diversi campi come la dermatologia e l’ortopedia.
 
 
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.
Categorie: CaniGattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Cani

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.             Quando si fanno escursioni in montagna, è facile incontrare mucche al pascolo.   L’incontro con gli animali sul pascolo richiede prudenza. Occorre ricordare che un Leggi tutto…

Arte

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES             La Cattedrale di Nantes, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, ospita il monumento sepolcrale dei Duchi più amati dai Bretoni: Francesco II di Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: