OLD POSSUM’S BOOK OF PRACTICAL CATS di T.S. Eliot, 1939

« Il libro dei gatti tutto fare » di Thomas Stearns Eliot (Saint Louis, Missouri,1888 – Londra 1965), poeta americano, ma inglese d’adozione, Premio Nobel per la Letteratura nel 1948.

Risultati immagini per il libro dei gatti tuttofare

Il libro raccoglie una serie di poesie che raccontano la vita di gatti indaffaratissimi, pieni di energia, eccentrici, bizzarri e misteriosi.

In questi componimenti uno degli scrittore più importanti del XX secolo, amante della razza felina, crea una specie di «Gatteide», dove si fa conoscenza con un drappello di gatti stravaganti e decisamente anticonformisti.

Eliot ci fa conoscere una serie di gatti molto diversi tra loro. « c’è chi è savio, e chi è matto – scrive il poeta – ci sono i buoni, ci sono i perversi, c’è chi è migliore, c’è chi è mal fatto, ma tutti sono adatti a descrizioni in versi ».

Le poesie ruotano intorno alle vicende strampalate dei protagonisti coi baffi, tessendo un microcosmo di storie, sentimenti, lotte tra bene e male…

Il libro è godibilissimo per tutti gli amanti dei gatti, divertente, eccentrico, simbolico e misterioso.

Eliot compose queste poesie negli anni ’30 del secolo scorso, e le mandava per lettera ai suoi figliocci, per intrattenerli e farli divertire, firmandosi con il nome di Old Possum.
In seguito furono raccolte e pubblicate nel 1939 con la copertina illustrata dall’autore.

Immagine correlata

Questo libro è servito da ispirazione e traccia per la commedia musicale “CATS”

IL NOME DEI GATTI, di T.S.Eliot

Dare un nome a un gatto è una faccenda particolare,
Tutt’altro che uno sport da incompetenti;
Penserete che io sia matto da legare
Se vi dico che un gatto ha TRE NOMI DIFFERENTI.
Primo, il nome che la famiglia usa di solito,
Come Pietro, Augusto, Gianni o Alonzo,
Come Vittorio o Giona, Baffo o Ippolito:
Tutti nomi comuni d’ogni giorno.
Ci sono nomi più ricercati, con un suono più fine,
Come Platone, Admeto, Elettra, Astolfo,
Sia per i signori che per le signorine:
Però tutti nomi comuni d’ogni giorno.
Ma un gatto ha bisogno di un nome speciale,
Un nome esclusivo, più meritorio,
Altrimenti come potrà la coda inalberare
O sollevare i baffi o compiacere il suo orgoglio?
Di questo tipo di nomi ve ne cito qualcuno,
Come Munkustrap, Quaxo o Caricopatto,
Come Bombalorina, o Jelliloruno:
Nomi che appartengono sempre a un solo gatto.
Ma al di là di questi c’è un nome sottile,
E si tratta del nome che non indovinerete mai;
Il nome che nessuna indagine umana può scoprire:
MA IL GATTO STESSO LO SA, e non rivelerà mai,
Quando vedete un gatto in profonda meditazione,
È sempre, sappiate, per la stessa ragione:
La sua mente è rapita in estatica contemplazione
Del pensiero, del pensiero, del pensiero del suo nome:
Il suo ineffabile effabile
E ffineffabile
Profondo e inscrutabile singolo Nome.

(traduzione di Massimo Bacigalupo)

The Naming of Cats

The Naming of Cats is a difficult matter,
It isn’t just one of your holiday games;
You may think at first I’m as mad as a hatter
When I tell you, a cat must have THREE DIFFERENT NAMES.
First of all, there’s the name that the family use daily,
Such as Peter, Augustus, Alonzo or James,
Such as Victor or Jonathan, George or Bill Bailey –
All of them sensible everyday names.
There are fancier names if you think they sound sweeter,
Some for the gentlemen, some for the dames:
Such as Plato, Admetus, Electra, Demeter –

But all of them sensible everyday names.
But I tell you, a cat needs a name that’s particular,
A name that’s peculiar, and more dignified,
Else how can he keep up his tail perpendicular,
Or spread out his whiskers, or cherish his pride?
Of names of this kind, I can give you a quorum,
Such as Munkustrap, Quaxo, or Coricopat,
Such as Bombalurina, or else Jellylorum –
Names that never belong to more than one cat.
But above and beyond there’s still one name left over,
And that is the name that you never will guess;
The name that no human research can discover –
But THE CAT HIMSELF KNOWS, and will never confess.
When you notice a cat in profound meditation,
The reason, I tell you, is always the same:
His mind is engaged in a rapt contemplation
Of the thought, of the thought, of the thought of his name:
His ineffable effable
Eff anineffable
Deep and inscrutable singular Name.

In questa rara registrazione del 1947 Eliot recita “The Naming of Cats”

https://soundcloud.com/b…/t-s-eliot-reads-the-naming-of-cats

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Soòo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Gatti

LA TRIADITE DEL GATTO

LA TRIADITE DEL GATTO           Nel gatto, la concomitante infiammazione di fegato/vie biliari, intestino e pancreas è definita con il termine triadite.   Il gatto ne è più soggetto del cane Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

Arte

FONTANA CON GATTI A PHILADELPHIA

FONTANA CON GATTI A PHILADELPHIA           Nel mio viaggio di due anni fa sono stata colpita nel trovare, in mezzo ai vicoli e alle case più vecchie della città, una scultura Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: