6 FEBBRAIO: ACCORDO SUI DIRITTI DEGLI ANIMALI IN ITALIA

L’ Italia è stato il primo Paese al mondo ad affermare (già nel 1991) “Lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali d’affezione, condanna gli atti di crudeltà contro gli stessi, i maltrattamenti e il loro abbandono, al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l’ambiente”, riconoscendo ai cani e gatti randagi il diritto alla vita e alla tutela.
La grande innovazione, infatti, consiste nel divieto di soppressione di cani e gatti randagi, fatta eccezione per i soggetti gravemente malati, incurabili o di comprovata pericolosità. Sono stati, inoltre, individuati i compiti e le responsabilità delle diverse Istituzioni coinvolte nella gestione del randagismo.

Un passo in avanti ulteriore è stato fatto con l’Accordo del 6 febbraio 2003, siglato in sede di Conferenza Stato Regioni, tra il Ministero della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano e recepito con DPCM 28 febbraio 2003. Sulla base della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, l’accordo definisce alcuni principi fondamentali per una maggiore e più corretta relazione tra l’uomo e gli animali da compagnia. Si parla di possesso consapevole, di come evitare che siano utilizzati in modo riprovevole e di favorire lo sviluppo di una cultura di rispetto anche nell’ambito delle realtà terapeutiche innovative come la pet-therapy.

In base all’Accordo chiunque conviva con un animale d’affezione o abbia accettato di occuparsene, è responsabile della sua salute e del suo benessere, deve provvedere alla sua sistemazione e a fornirgli adeguate cure e attenzioni, tenendo conto dei suoi bisogni fisiologici ed etologici, secondo l’età, il sesso, la specie e la razza.

In particolare deve:
rifornirlo di cibo e di acqua in quantità sufficiente e con tempistica adeguata;
assicurargli le necessarie cure sanitarie e un adeguato livello di benessere fisico ed etologico;
consentirgli un’idonea possibilità di esercizio fisico;
prendere ogni possibile precauzione per impedirne la fuga;
garantire la tutela di terzi da aggressioni;
assicurare la regolare pulizia degli spazi di dimora.

‘Trial of Bill Burns’, dipinto di P Mathews, mostra Richard Martin, 1754-1834, considerato uno dei primi attivisti per i diritti degli animali, che presenta un asino davanti alla corte attonita durante un processo per maltrattamento, perché vengano mostrate le contusioni e i tagli che il proprietario aveva inferto al proprio animale, negando la propria crudeltà.

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
Categorie: Ricorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

MARILYN MONROE E I CANI

MARILYN MONROE E I CANI           Il 1 giugno,1926 nasceva l’attrice Marilyn Monroe. Il suo amore per tutti gli animali è risaputo e nella sua vita ebbe vari cani con cui Leggi tutto…

Musica

RICORDANDO MIA MARTINI

RICORDANDO MIA MARTINI         Il 12 maggio 1995 l’impareggiabile cantante Mia Martini ci lasciava, inaspettatamente e troppo presto.   Ebbe un cagnolino che visse con lei sedici anni e di cui sentì Leggi tutto…

Arte

KELLY INGRAM PARK

KELLY INGRAM PARK         A Birmingham, Alabama, USA, si trova un grande parco, il Kelly Ingram Park. Il parco fu chiamato così nel 1932 in ricordo del vigile del fuoco Osmond Kelly Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: