OGGI 22 AGOSTO: SAINT GUINEFORT (IL CANE SANTO)

In Francia, nella zona di Lione, a Sandras, si trova la tomba di un santo, oggetto di una grande devozione popolare nonché di culto e pellegrinaggi.

Questo santo era un cane, un levriero, vissuto nel XIII secolo.

Questo levriero era il preferito del signore di Villars, che lo teneva all’interno del suo castello.
Era un cane molto bello e veloce, che godeva di privilegi che tutti gli altri cani non avevano, grazie al profondo amore che nutriva per lui il suo padrone.

La leggenda narra che un giorno il signore uscì con la moglie, lasciando il cane a casa con il suo primogenito in fasce, che dormiva nella culla, e le nutrici.
Una vipera entrò nella stanza del bimbo e si avvicinò alla culla. Il cane si lanciò in una lotta furiosa contro il serpente: lo azzannò al ventre più volte finché non lo uccise.
Durante la lotta, la culla si rovesciò e il bimbo rotolò sotto al letto senza svegliarsi né subire alcun danno.
Il cane iniziò a latrare, per richiamare l’attenzione. Accorsero le nutrici e trovarono la stanza sottosopra, il neonato sparito e il cane con la bocca insanguinata. Subito pensarono che il levriero avesse sbranato il bebè in preda a un attacco di rabbia.
Come il signore tornò gli riferirono l’accaduto. Questi, accecato dal dolore, chiamò il suo cane, che gli corse incontro, festoso nonostante le ferite infertegli dai morsi del serpente, e lo uccise immediatamente.
Poco dopo però il bimbo iniziò a piangere, e fu trovato illeso sotto al letto di fianco alla vipera squartata.
Il signore di Villars capì il gesto eroico del suo cane e, colto da un grande rimorso, lo fece seppellire in una tomba coperta di pietre vicino al castello, per onorare il coraggioso e fedele levriero ingiustamente ucciso.

Il luogo divenne meta di pellegrinaggio, soprattutto da parte delle madri di bambini malati che, avendo udito parlare del cane salvatore del bimbo indifeso, accorrevano a pregare per una grazia o un’intercessione. Si narra perfino che in molti casi si ebbero dei veri e propri miracoli. In breve tempo perciò si creò un fenomeno insolito: numerosi ex-voto venivano portati al “santo” cane in ringraziamento delle grazie ricevute e delle preghiere che il cane, secondo i popolani, esaudiva soprattutto per aiutare i bambini.

Fu così che nacque la leggenda del cane santo, protettore dei bimbi deboli, nonostante la condanna da parte della chiesa, che non voleva che la sua figura fosse assimilata a quelle dei santi “tradizionali” – cioè uomini e donne.

Il culto resistette a varie condanne, compresa la proibizione imposta dall’inquisitore frate domenicano Etienne de Bourbon, e proseguì nei secoli, fino al 1930 quando venne abolito definitivamente dalla Chiesa Cattolica.
Contemporaneamente, venne abolita anche la festa di San Guinefort (tradizionalmente rappresentato come mezzo uomo e mezzo cane)

Nonostante la censura e la repressione della Chiesa, tuttavia, i culti di San Guinefort e del santo cane non sono morti, tanto da provocare serio imbarazzo e discussioni teologiche.

Al giorno d’oggi, si è quindi cercato di convogliare il culto del santo levriero su quello di San Guinefort, che si tiene nel periodo della canicola, il 22 agosto.

Categorie: CaniRicorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

OGNI CANE HA BISOGNO DI UN MEDICO VETERINARIO

OGNI CANE HA BISOGNO DI UN MEDICO VETERINARIO         Riporto lo scritto pubblicato su ANMVIoggi dal dr.Melosi.   Nel percorso ideale del proprietario “responsabile”, il Medico Veterinario è il riferimento di ogni Leggi tutto…

Cani

TI PRESENTO PATRICK di Mandie Fletcher, 2018

TI PRESENTO PATRICK   di Mandie Fletcher, 2018 Commedia, – Gran Bretagna, con Sam Fletcher, Beattie Edmondson, Rupert Holliday Evans, Ann Queensberry, Ed Skrein         Già avevo accennato a questo film a Leggi tutto…

Cani

IO SONO UN CANE, IO NON SONO UNA COSA, di Penny Elm

IO SONO UN CANE, IO NON SONO UNA COSA, di Penny Elm   Io sono un cane. Sono un animale vivente e che respira. Provo dolore, gioia, amore, paura e piacere. Io non sono una Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: