MALATTIA DA GRAFFIO DI GATTO

 
 
Malattia da graffio di gatto: sintomi e cosa fare se il gatto morde o  graffia
 
 
La Bartonella Henselae è un batterio unicellulare gram-negativo che attacca i globuli rossi, causando infezioni da bartonella o bartonellosi.
 
I gatti che vivono in aree in cui sono molto frequenti pulci o zecche, e che corrispondono circa al 30% – 50% del totale, sono molto esposti al batterio della Bartonella, una zoonosi che dai gatti viene trasmessa a cani e uomo.
 
La Bartonella viene trasmessa ai gatti da un vettore, pulci e zeccche.
 
La trasmissione vettoriale può avvenire in due modi primari: inoculazione di feci di artropodi contaminati da Bartonella tramite graffi o morsi di animali o contaminazione auto-inflitta di ferite indotte dall’animale che si gratta a causa di morsi di artropodi irritanti.
 
Dopo l’infezione, i gatti possono facilmente infettare altre specie. Questa patologia è, infatti, chiamata Malattia da Graffio di gatto (Cat scratch disease, CSD), perché è così che si trasmette.
 
L’infezione da Bartonella ha più probabilità di causare sintomi clinici nei cani rispetto ai gatti,
I cani si presentano con una vasta gamma di anomalie cliniche e patologiche, tra cui: febbre, endocardite e miocardite, linfoadenite granulomatosa, aritmie cardiache, rinite granulomatosa ed epistassi, mentre molti gatti infetti, spesso appaiono clinicamente sani.
 
Non esiste un protocollo antibiotico standardizzato per il trattamento della bartonellosi nei gatti o nei cani, ma doxiciclina, amoxicillina, enrofloxacina e rifampicina somministrate per una lunga durata, un mese o addirittura un mese e mezzo, possono essere efficaci nel ridurre il livello di batteriemia nel gatto o nel cane infetto.
 
La Bartonellosi è una malattia zoonotica, una zoonosi, può quindi essere trasmessa tra specie e quindi anche all’uomo. Questa malattia non è mortale per l’essere umano, ma può essere un grande rischio per i pazienti immunocompromessi, come i malati di AIDS in cui possono verificarsi patologie disseminate.
 
La Malattia da Graffio di gatto è una malattia osservata per lo più dal pediatra ( il 90% dei casi si manifesta in età inferiore a 21 anni).
E’ una malattia stagionale, con picco di incidenza fra agosto e ottobre. Non è nota la sua incidenza in Italia , in alcune regioni però potrebbe essere simile a quella segnalata in Usa, di 9-10 casi /anno su 100.000 abitanti.
Si manifesta, nella sua espressione tipica, come una linfoadenite subacuta o cronica.
Nella sede del trauma, morso o graffio di un gatto, spesso cucciolo, apparentemente sano, a distanza di tre/dieci giorni si forma una papula circolare rosso-marrone eritematosa che evolve in vescicola e in crosta nel giro di due-tre settimane.e si sviluppa una linfoadenopatia regionale.
 
Una diagnosi certa può essere ottenuta con un test PCR o biopsia linfonodale.
 
Il trattamento di malattia da graffio di gatto nei pazienti immunocompromessi consiste nell’applicazione locale di calore e analgesici. Se il linfonodo è fluttuante, l’aspirazione con una siringa in genere allevia il dolore.
La terapia antibiotica non dà chiari benefici e generalmente non deve essere somministrata nelle infezioni localizzate in pazienti immunocompetenti.
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.
Categorie: GattiSaluteVarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Cani

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.             Quando si fanno escursioni in montagna, è facile incontrare mucche al pascolo.   L’incontro con gli animali sul pascolo richiede prudenza. Occorre ricordare che un Leggi tutto…

Altri animali

IL CONIGLIO ANZIANO

IL CONIGLIO ANZIANO       Il coniglio comincia a invecchiare intorno ai 7-8 anni. Certi superano i 10 anni di età senza problemi, mentre altri possono presentare i tipici problemi dovuti all’invecchiamento del corpo. Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: