LE VIBRISSE DEL GATTO

 

 

Le vibrisse del gatto (i suoi famosi baffi e sopracciglia) sono.peli grandemente ispessiti e ingrossati, localizzati sulle guance e sul mento, e sopra gli occhi. Sono organi annessi all’apparato tegumentario, ogni pelo è un organo a sé stante se si intende organo come “insieme di tessuti delimitato da una superficie riconoscibile”.

Il pelo è una struttura, prevalentemente proteica, che viene prodotta in una depressione della pelle, follicolo pilifero, e che ospita la radice del pelo, il bulbo pilifero da cui emerge uno stelo di forma cilindrica con una terminazione appuntita.

I baffi, come tutti gli altri peli, hanno il fusto formato da sostanza inerte, cheratina, e non hanno vasi, né nervi al loro interno (per cui se vengono tagliati il gatto non sente alcun dolore) ma si differenziano dagli altri peli perché sono altamente vascolarizzati e innervati alla base, e se vengono strappati causano sanguinamento e dolore.

Le vibrisse sono peli particolari, detti anche “peli altamente modificati” perché a differenza di tutti gli altri non hanno lo scopo di trattenere il calore corporeo, ma hanno una funzione tattile, i follicoli da cui crescono sono tra le aree più ricche di nervi in tutto il corpo, ciò significa che se qualcosa tocca anche leggermente il baffo, il gatto la sentirà.

I baffi perciò non sono solo decorativi ma hanno dei ruoli importanti al punto che senza di essi, il gatto si ritroverà in svantaggio. Solo il gatto di razza  Sphynx è sprovvisto sia di baffi che di pelo.

Le vibrisse sono come antenne che crescono in vari punti del muso del gatto: lateralmente alla bocca, sotto il mento, sulle guance e sopra agli occhi.

Il loro compito è quello di sopperire a una carenza del gatto, la vista da vicino. La lunghezza dei baffi di un gatto in salute è circa della stessa lunghezza della parte più ampia del suo corpo, se i baffi del gatto non possono passare comodamente attraverso uno spazio, neanche il resto del suo corpo potrà farlo, li aiuta quindi a giudicare distanza e spazio.

La vista del gatto è ottima da lontano, per individuare le prede, ma proprio perché il suo fuoco è distante, da vicino non vede quasi nulla, ed è per questo che servono le vibrisse. Come già detto, la loro base è riccamente vascolarizzata ed innervata, così che lo spostamento nello spazio del pelo esterno, spostamento anche minimo, provoca una pressione dalla parte opposta del bulbo pilifero. Il nervo percepisce la sensazione e la invia al cervello, così che il gatto avrà consapevolezza che qualcosa muove la sua vibrissa, in quale direzione, e con quale potenza.

Le informazioni di ogni vibrissa unite a quella delle altre gli danno completa consapevolezza di cosa succede intorno a lui.

Le vibrisse sono così sensibili che i gatti riescono a percepire perfino i venti, o i lievi movimenti del terreno (i terremoti), e la loro percezione è basata sulla loro lunghezza (è il principio della leva di Archimede, più lunga è la leva meno sforzo da fare per sollevare il peso, in questo caso mandare la sensazione nervosa, oltre il fulcro).

Le vibrisse offrono input sensoriali e riscontri sulle cose vicine al loro muso, questo li aiuta a camminare quando c’è poca luminosità o in ambienti avversi. I baffi intorno alle sopraciglia del gatto offrono riscontri sensoriali e proteggono gli occhi, possono catturare piccoli frammenti di detriti prima che raggiungano gli occhi e avvertono i gatti di ostacoli vicini alla testa.

Il gatto fa molto affidamento sul riscontro sensoriale; senza baffi, la sua capacità di orientarsi e sentire le cose intorno a lui diminuisce.

Tagliare le vibrisse significa ridurre la lunghezza e rendere meno sensibile il tatto del gatto, perché ci vuole uno stimolo meccanico maggiore per dare la stessa risposta. Gli servono per capire dov’è la ciotola del cibo, se riesce a passare da un posto, e gli servono per marcare: sono importanti per la vita di tutti i giorni.

Come il resto dei peli, anche i baffi del gatto hanno fasi di crescita, di riposo e di caduta. Quando perdono una vibrissa ogi tanto, è del tutto normale e non è un problema. Se il gatto però sembra perdere molti baffi in poco tempo e non sembra che ne stiano crescendo di nuovi, qualcosa forse non va.

Ci sono diverse condizioni che possono portare alla perdita totale o grave dei baffi.

Combattere regolarmente con un altro gatto che graffia e danneggia il muso può portare alla perdita dei baffi, ma se il gatto lotta tanto da iniziare a perderne molti, il problema diventa grave e per risolverlo il gatto, se già non lo è, va sterilizzato, casa e giardino vanno resi a prova di gatto.

L’alopecia può causare la perdita di peli su tutto il corpo, inclusi i baffi. Se il gatto sta perdendo pelo e baffi, consultate il vostro Medico Veterinario.

La dermatite e altre malattie cutanee, soprattutto quelle di natura allergica, possono portare alla perdita di pelo e baffi.

Le infezioni micotiche, per esempio la tigna, possono colpire il muso del gatto, portando a macchie tonde di perdita di pelo o vibrisse.

Le infezioni batteriche e le malattie cutanee potrebbero portare alla perdita dei baffi se l’infezione è sistemica o colpisce il muso.

L’acne felina a volte può portare alla perdita dei baffi, soprattutto perché si manifesta solitamente attorno al naso e al mento del gatto.

I pidocchi sono un’altra possibile causa di perdita di pelo e baffi che potrebbe essere accompagnata da pelle infiammata.

Vari disturbi ormonali, tra cui l’ipertiroidismo, possono portare alla perdita di pelo e a cambiamenti nella struttura del pelo che ricresce, cosa che colpirà anche i baffi.

Se il vostro gatto sta perdendo i baffi e/o il pelo, è importante farlo controllare dal proprio Medico Veterinario di fiducia per scoprirne la causa e iniziare la cura appropriata.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.

 

 

Categorie: GattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Altri animali

IL CONIGLIO ANZIANO

IL CONIGLIO ANZIANO       Il coniglio comincia a invecchiare intorno ai 7-8 anni. Certi superano i 10 anni di età senza problemi, mentre altri possono presentare i tipici problemi dovuti all’invecchiamento del corpo. Leggi tutto…

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI : CANCRO  22 giugno – 22 luglio

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI : CANCRO  22 giugno – 22 luglio             Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: