L’ANNUNCIAZIONE di LORENZO LOTTO, 1534

 
 
 
Annunciazione di Recanati - Wikipedia
 
 
 
A Recanati al Museo Civico si può ammirare questa mirabile e famosa opera di Lorenzo Lotto.
 
La scena dipinta sulla tela ci mostra la stanza da letto di Maria.
A sinistra si vedono un letto a baldacchino, una finestra e una mensola su cui sono appoggiati indumenti e oggetti d’uso quotidiano.
La figura di Dio si introduce dalla loggia del giardino, mentre a destra un angelo ha un giglio in mano, e porta l’altra verso l’alto indicando che l’Annuncio di cui è messaggero viene dal Signore.
La Vergine è spaventata, abbandona il leggio, volta le spalle all’angelo, solleva le mani sorpresa, infossa la testa tra le spalle con un’espressione tra l’umile, il turbato e il succube e si rivolge verso l’osservatore mentre al centro del campo visivo un gatto fugge terrorizzato inarcando la schiena unendo verismo e garbata ironia…l’irruzione dell’arcangelo ha qui la stessa forza deflagrante di un’ esplosione.
 
Il critico Argan scrisse: «La Vergine del Lotto è una brava ragazza; il messaggio la coglie di sorpresa mentre prega nella sua stanza; non osa neppure volgere il capo; il suo gesto, quasi di difesa, è quello di chi si sente colpito alle spalle da un richiamo improvviso»
 
Lorenzo Lotto aveva un’anima animalista e a lungo si è discusso sul significato del gatto al centro di questo quadro.
Spesso si è fatto un uso emotivo-sensoriale degli animali domestici nei dipinti, mantenendo comunque la funzione espressiva.
 
Il gatto è spesso legato al mondo stregonesco e demoniaco.
Nel XII secolo l’associazione gatto-diavolo era molto radicata. Intorno al 1180, Walter Map sosteneva che durante i riti satanici “il diavolo scende come un gatto nero davanti ai suoi devoti. Gli adoratori spengono la luce e si avvicinano al luogo dove hanno visto il loro maestro. Lo cercano nel buio e quando lo hanno trovato lo baciano sotto la coda”.
Tra le accuse mosse a gruppi religiosi eretici come i Catari e Valdesi vi era anche quella di adorare i gatti, mentre durante il processo ai Templari, all’inizio del XIV secolo, non mancava l’accusa di far partecipare i gatti alle cerimonie religiose e di pregare per essi.
Quanto alle streghe, si credeva che tra i loro artifici vi fosse quello di assumere sembianze feline. Queste credenze erano così diffuse e radicate che papa Innocenzo VIII nel 1484 arrivò a dichiararlo solennemente: “il gatto è l’animale preferito del diavolo e idolo di tutte le streghe”.
 
Fortunatamente, il gatto non ha sempre rappresentato una minaccia o un simbolo funesto.
In Grecia e a Roma, si riteneva che fosse sacro a Diana e si racconta anche che la dea della caccia, per sfuggire al terribile Tifeo, avesse assunto le fattezze di un gatto.
Secondo alcuni, in quanto abile cacciatore, il gatto può essere paragonato a Gesù cacciatore di anime ed è per questo motivo che spesso compare nei dipinti di carattere religioso.
 
L’animale è anche un attributo della Madonna perché un’antica leggenda narra che la notte in cui Cristo venne al mondo una gatta diede alla luce i suoi cuccioli.
 
 
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.
Categorie: ArteGattiRicorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Arte

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES             La Cattedrale di Nantes, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, ospita il monumento sepolcrale dei Duchi più amati dai Bretoni: Francesco II di Leggi tutto…

Arte

24 GIUGNO: SAN GIOVANNI BATTISTA

24 GIUGNO: SAN GIOVANNI BATTISTA       Nel 1472 Francesco del Cossa eseguì una tempera ad uovo su tavola raffigurante San Giovanni Battista, per la pala d’altare di una cappella nella basilica di San Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: