L’AGLIO: BENEFICO O NOCIVO?

Per anni l’aglio è stato somministrato a cani e gatti non ritenendolo nocivo.

Era considerato un ottimo antiparassitario e veniva dato in grandi quantità soprattutto nei cuccioli.

In realtà questo alimento non è ben digerito dai cani che non possiedono l’enzima necessario a metabolizzarlo.
Ingerire quantità rilevanti di aglio potrebbe provocare diarrea, vomito e gravi disturbi gastrointestinali.

Quando l’aglio viene consumato regolarmente, nel tempo può determinare gravi malformazioni nella composizione dei globuli rossi, anomalie che renderebbero le cellule del sangue troppo esposte e fragili. All’origine, una componente tossica contenuta sia nell’aglio che nella cipolla, i solfossidi e i disolfuri, responsabile dell’insorgenza di anemia emolitica.

L’aglio come antiparassitario è controverso: alcuni prodotti sfruttano il suo effetto repellente contro i parassiti, ma in questi casi il quantitativo della parte tossica si abbassa durante la preparazione, e non crea problemi.

Uno spicchio d’aglio nella preparazione di una ricetta non produce effetti indesiderati, l’uso giornaliero e massiccio sì!

Negli ultimi anni si sono studiati gli effetti dell’aglio sul cane e si è visto che utilizzato in modo equilibrato può risultare un alimento utile.

E’ un ottimo antiossidante, rende il sangue più fluido e diminuisce la pressione arteriosa.

Stimola le difese dell’organismo, diminuisce i disturbi dell’invecchiamento: non è un vero antiparassitario, ma producendo un’esalazione cutanea protegge la cute e migliora l’aspetto del pelo.

La dose letale è di due teste di aglio a cane circa, o un utilizzo quotidiano e continuo nel tempo. Nel gatto un grammo per kg di peso può già dare forte tossictà.
Volendolo utilizzare la dose consigliata è di 1/2 spicchio per i cani di piccola taglia a settimana, 1 spicchio per cani di media/ grande taglia e 1 e 1/2 per i cani giganti a settimana.

Certe razze di cane giapponesi, come l’Akita inu e lo Shiba inu, sembrano essere più sensibili delle altre. E anche i gatti.

L’aglio, per il gatto, è considerato più pericoloso delle cipolle poiché le tossine sono più concentrate e distruggono i globuli rossi, causando seri problemi, tra cui anemia. Tuttavia, la maggior parte dei cibi contengono meno aglio di cipolla, quindi l’effetto può essere ridotto. Inoltre, come per il cane, quantità minime date sporadicamente non riescono a causare danni.

In ogni caso, è meglio evitare completamente di dare tutto ciò che contiene l’aglio per il vostro gatto.

L'immagine può contenere: sMS


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI         Le limitazioni agli spostamenti in questa nuova emergenza prevedono le stesse eccezioni già previste della Fase 1 della pandemia:   – comprovate Leggi tutto…

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: