LA TRIADITE DEL GATTO

 
 
 
 
 
Nel gatto, la concomitante infiammazione di fegato/vie biliari, intestino e pancreas è definita con il termine triadite.
 
Il gatto ne è più soggetto del cane e sembra esseredovuto dal fatto che, a differenza che nel cane, il dotto pancreatico e il coledoco si fondono in un unico canale prima di entrare nel duodeno. Questo offre una maggior probabilità alla bile, e/o ai batteri ascendenti dall’intestino, di risalire lungo il dotto stesso causando contemporaneamente pancreatite e colangite.
 
 
Tríade felina - ECO Diagnóstico Veterinário
 
 
 
L’infiammazione delle vie biliari – colangite/colangioepatite acuta e cronica -, l’infiammazione dell’intestino – ibd, duodenite acuta e cronica -, e l’infiammazione del pancreas – pancreatite acuta/ cronica – possono essere allo stesso tempo le cause o le conseguenze reciproche di questa sindrome.
La patogenesi risulta sconosciuta e sono state formulate diverse ipotesi al riguardo, prendendo in considerazione il ruolo sia dei batteri sia del sistema immunitario a partenza intestinale.
 
Il gatto può presentare febbre, stanchezza e apatia, un appetito diminuito o assente, forte dimagramento, disidratazione, pelo arruffato e sporco, diarrea, vomito….
Nei casi più gravi ittero, ascite, epatomegalia, aumento dello spessore dell’intestino…
Questi sintomi possono comparire tutti contemporaneamente, o gradualmente con l’aumentare della gravità di questa sindrome.
A volte se ne presentano solo alcuni.
 
Per poter procedere a una diagnosi vanno eseguiti una serie di esami:
ematochimica/emocromo, analisi delle feci, Rx, ecografia ed eventuale endoscopia e biopsia d’organo,
 
E’ importante fare una diagnosi differenziale nei confronti di altre malattie comuni e frequenti del gatto: della FIP (Peritonite Infettiva Felina), del Linfoma intestinale del gatto, della Lipidosi epatica o altre Epatopatie e Malattie infettive gastrointestinali perché questi sintomi sono comuni.
 
La terapia dovrà tenere conto dei diversi sintomi, del grado di interessamento di ogni organo e della compromissione dello stato clinico generale del gatto, potendosi rivelare più o meno efficace.
Andrà curata anche l’alimentazione.
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Per appuntamento.:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.
Categorie: GattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Alimentazione

IL BLOCCO GASTROINTESTINALE NEL CONIGLIO

IL BLOCCO GASTROINTESTINALE NEL CONIGLIO           Come ho già avuto modo di spiegare, Il coniglio è un erbivoro e per una buona funzionalità del suo sistema digestivo gli occorrono alimenti ad Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

Cani

CARDIOPATIE DEI CANI? NUOVO TEST DIAGNOSTICO.

CARDIOPATIE DEI CANI? NUOVO TEST DIAGNOSTICO.     “L’esame radiografico è un passaggio fondamentale nell’iter diagnostico delle patologie cardiache canine. Il problema nella diagnosi tramite questa metodologia clinica è l’estrema eterogeneità morfologica del “paziente canino”. Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: