IN OLANDA NON ESISTE IL RANDAGISMO

L’ Olanda conseguì l’indipendenza dalla Spagna nel 1648 e diventò forse il paese più libero d’Europa, in cui gli ebrei non vennero mai perseguitati e i cattolici (a patto di non voler convertire nessuno) trattati al pari dei puritani.
In Olanda trovarono rifugio gli ebrei fuggiti da Spagna e Portogallo e gli Ugonotti in fuga dalle persecuzioni francesi.
Gli olandesi svilupparono uno spirito di tolleranza, forse proprio come reazione al dominio intransigente degli Asburgo.

La parola tolleranza in Olanda si abbina a un’altra molto importante: rispetto.
La pratica delle libertà si fonda su regole che considerano i diritti degli altri, sia persone o animali.

Nel XIX secolo il governo olandese impose tasse pesanti a chi aveva cani di razza con l’intenzione di diminuirne il numero. Per non pagare l’imposta molti padroni abbandonarono gli animali.
Il numero di cani randagi divenne molto elevato e nel 1886, nacquero le prime associazioni animaliste che si batterono per la loro tutela.
Nel XX secolo ottennero l’emanazione di leggi importanti che includono multe salate o carcere fino a tre anni, senza la possibilità di uscire su cauzione, per chi maltratta gli animali, e campagne di sterilizzazione gratuite.
Altre leggi rafforzarono la consapevolezza e il senso di responsabilità dei proprietari, disincentivando l’acquisto di animali e favorendo la loro adozione attraverso tasse e agevolazioni fiscali.
Da anni esiste l’obbligo del microchip. I rari cani vagabondi vengono catturati e alloggiati in strutture moderne e si cerca subito una famiglia a cui affidarli.
Non c’è sovraffollamento dei canili.
Se un proprietario si trova in difficoltà economica e non può permettersi le cure veterinarie, il Comune le paga per lui.
Se il cane ha problemi comportamentali, il Comune gli assegna un educatore cinofilo.
Se il padrone ha seri problemi di salute che gli impediscono di prendersi cura dell’animale (spesso persone anziane) il Comune assegna dei volontari che lo portano a passeggiare o, momentaneamente, viene alloggiato in un rifugio.
Gli animali vengono tutti sterilizzati, tranne quelli degli allevamenti. Con cani e gatti sterilizzati non si rischiano problemi di cucciolate indesiderate buttate nella spazzatura, abbandonate in campagna…annegate.
Qualora il padrone non volesse più il proprio animale, lo può cedere al canile ma con un divieto a prenderne altri per un periodo di dieci anni.

L’Olanda è forse l’unico paese al mondo in cui il randagismo è pressochè inesistente e questo traguardo è stato ottenuto con la normativa rigorosa sì, ma anche con la percezione da parte dei cittadini che il maltrattamento e la sofferenza animale siano un crimine da evitare.

Categorie: CaniNewsVarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935             È profondo il legame tra Alain Delon e i suoi cani. Nella sua vita ne ha avuti una cinquantina e almeno trentacinque sono sepolti Leggi tutto…

Cani

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI         Le limitazioni agli spostamenti in questa nuova emergenza prevedono le stesse eccezioni già previste della Fase 1 della pandemia:   – comprovate Leggi tutto…

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: