Il CANE DEVE STARE IN CASA O IN GIARDINO?

Spesso sento dire: “Non prendo un cane perché non ho un giardino”, oppure l’analogo “Se avessi un giardino potrei prendere un cane di taglia grande, ma non ce l’ho…”

Non si deve dimenticare che il cane fa parte degli animali “sociali”, che vivono in gruppo e non sono fatti per stare da soli.

Prendere un cane per poi lasciarlo tutto il tempo in giardino non è una scelta giusta e col tempo il cane ne risentirà…e di conseguenza pure voi.
Senz’altro gli farà piacere perlustrarlo, farsi una corsetta, stendersi al sole, ma se voi non sarete con lui l’entusiasmo durerà poco; vorrà stare in vostra compagnia, e non potendolo fare si metterà accanto a una porta o finestra per starvi il più vicino possibile.
Avere un giardino è una risorsa in più, serve a farlo uscire per i suoi bisogni in modo autonomo, e a stare fuori insieme a giocare o a svolgere voi altre attività in un ambiente protetto.
Il giardino però non esonera dal portarlo a fare delle lunghe passeggiate insieme a voi.
In inverno, e col brutto tempo, quanto poco voi state in giardino e che poca relazione sociale avviene tra di voi?!
L’ essere lasciato fuori da solo viene vissuto come isolamento sociale, è tutto tempo che non passate insieme.

Il cane va tenuto con voi, in casa, in famiglia. Voi siete la sua famiglia, lui appartiene alla vostra famiglia.
Quindi la scelta di prendere un cane non deve essere condizionata dal giardino o dall’appartamento, ma dal tempo che potrete passare insieme.
Solo così potrete costruire un rapporto appagante, sano, equilibrato, che donerà benessere, sia a lui che a voi.

“Non crediate che sia crudele tenere un cane in un appartamento cittadino: la sua felicità dipende soprattutto dal tempo che potete trascorrere con lui, dal numero di volte che vi può accompagnare nelle vostre uscite; al cane non importa nulla aspettare davanti alla porta del vostro studio, se poi avrà in premio dieci minuti di passeggiata al vostro fianco. Per il cane l’amicizia personale è tutto. Ricordate però che in questo modo vi assumete un impegno personale tutt’altro che lieve, perché dopo è impossibile rompere l’amicizia con un cane fedele, e darlo via equivale ad un omicidio.”   Konrad Lorenz
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
 
Categorie: CaniComportamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

UN PERRO HA MUERTO (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda

UN PERRO HA MUERTO  (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda                   Neruda sentado junto al perro ‘Nyon’. / M. URRUTIA (FUNDACIÓN PABLO NERUDA)       Pablo Neruda (Parral, 12 luglio 1904 Leggi tutto…

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: