IL CANE ANZIANO (quarta parte)

 

 

Quando il cane invecchia è necessario cambiare la sua alimentazione, perché le esigenze del suo organismo sono mutate.

La sua dieta deve essere appetibile, sia come aroma che come consistenza. Con l’età possono variare e diminuire il senso dell’olfatto e del gusto. Spesso inizia a preferire sapori più forti: bisogna quindi fare attenzione a che non mangi nulla di tossico. Altri prediligono i dolci, che però vanno sempre evitati per il suo benessere: aumenterebbero, oltre al peso, anche le probabilità di sviluppare patologie come il diabete, e i disturbi articolari.

Nel suo cibo va modificata la componente proteica della razione,  con proteine più digeribili e di migliore qualità (che producano meno scorie che aumenterebbero il lavoro dei reni), va diminuita la quantità di grassi mentre si devono alzare i livelli di vitamine , antiossidanti e altri nutrienti essenziali che possano supportare le funzioni vitali del cane.

Siccome, solitamente, il cane anziano è meno attivo, si nota un diminuito fabbisogno energetico, anche del 10 e del 20 %:  va quindi riconsiderata la fornitura di energia, la razione giornaliera di cibo va adattata e va stabilita la quantità corretta per evitare le problematiche collegate al sovrappeso. Un principio generale potrebbe essere sia il diminuire la quantità di cibo fino anche del 30% , tenendo conto dello stato di nutrizione, sia l’aumento della frequenza dei pasti (fino a tre-quattro volte al giorno) per non forzare tropo l’apparato digerente, sia l’offrire pezzi più piccoli, per eventuali difficoltà nella masticazione.

Come sempre, deve avere acqua fresca a  disposizione, è necessario però controllare che beva regolarmente per mantenere un’idratazione adeguata, ed evitare costipazione e disturbi urinari; se dovesse bere poco si può pensare di aggiungere acqua tiepida al pasto.

Per stimolare l’attività dell’intestino occorre aumentare la componente di fibra della dieta, offrendo nel cibo casalingo una maggior quantità di verdura in genere, o addizionando della crusca; la presenza di fibra  permetterà di aumentare di un poco la quantità di cibo, senza per questo farlo ingrassare.

Ricordo che in presenza di patologie metaboliche (diabete), ormonali, e degenerative, più frequenti nell’animale anziano come pure una diminuita attività renale, vanno fatte altre considerazioni alimentari.

Invecchiando, l’appetito del cane può essere altalenante, alternando giorni di inappetenza o indifferenza al cibo a giorni di buon appetito. Se il soggetto sta bene, e mantiene tutte le sue attività inalterate potrebbe trattarsi di un cambiamento fisiologico, conviene comunque farlo visitare dal suo Medico Veterinario.

Può succedere, avviene spesso, che diventi famelico e ossessionato dal cibo: non dovete assecondarlo ma distrarlo e proporgli alternative diverse, il vostro Medico Veterinario vi saprà indicare come comportarvi.

Occorrono regolari controlli da parte del Medico Veterinario che vi darà diete specifiche, che tengono conto sia dell’età aumentata, sia di eventuali patologie concomitanti.

 

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
Categorie: CaniSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

Cani

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!     “Baby” è una serie televisiva italiana prodotta da Netflix, che si ispira liberamente allo scandalo delle “baby squillo” dei Parioli, risalente all’anno 2013, raccontando la vita Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: