IGIENE ORALE CANI E GATTI seconda parte

La maggior parte dei cani e dei gatti sopra i tre anni soffre di problemi a denti e gengive che facilmente possono trasformarsi in infezioni.

Si è molto attenti a curare il loro pelo, a lavarli e spazzolarli ma non si fa la stessa attenzione ai denti. Eppure andrebbero puliti con la stessa costanza per evitare rischi alla salute e al loro benessere.

Accade come negli esseri umani: senza una corretta igiene orale, la placca si calcifica diventando tartaro che può far sollevare il colletto gengivale, indebolire la radice del dente, provocare dolori molto forti e degenerare.

Ci si trova spesso con parodontite: infiammazione e sanguinamento delle gengive, ascessi e caduta dei denti.

Quelli più a rischio sono i cani di taglia piccola perché hanno una testa più corta e quindi meno spazio per i denti, ciò contribuisce alla formazione della placca e del tartaro. Stesso dicasi per i cani brachicefali, la disposizione della loro dentatura favorisce il deposito di cibo, quindi placca e tartaro.

Proprio per la testa più corta i gatti sono molto spesso soggetti a problemi del genere, e vanno incontro frequentemente a stomatiti infettive e ricorrenti. Le razze a muso schiacciato, come i persiani, sono più predisposte.

È necessario seguire alcune regole di igiene orale ogni giorno.

1 – LAVARE I LORO DENTI ALMENO UNA VOLTA AL GIORNO. La placca impiega 24 ore a formarsi, perciò è importante che la pulizia sia quotidiana. Trovare il momento giusto, che potrebbe essere dopo il pasto serale, e farla diventare un’abitudine.

Lo spazzolino deve essere morbido e con le punte arrotondate. Esistono spazzolini a cappuccio, che si mettono sul dito (consigliati poiché riescono a raggiungere anche i punti più nascosti della dentatura consentendo così un’ accurata pulizia ),

2 – ABITUARLI PIANO PIANO SIN DA CUCCIOLI

È importante che percepiscano il lavaggio dei denti come parte della loro routine: dalle otto settimane di vita in poi è il momento di cominciare, un piccolo passo per volta, sia per i cani che per i gatti.

Ricordate che non possono comunicare il loro malessere, quindi si deve imparare a capirne i segnali e nel dubbio portateli a fare una visita dal vostro Medico Veterinario.

(continua)

 

Categorie: CaniGattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Consigli di lettura

LA GATTOMACHIA

LA GATTOMACHIA         Il giovane pianista e compositore Orazio Sciortino, ha messo in musica il poema epico burlesco di Lope de Vega del 1634 “La Gattomachia”, dove si narrano inganni amorosi, duelli Leggi tutto…

Cani

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935             È profondo il legame tra Alain Delon e i suoi cani. Nella sua vita ne ha avuti una cinquantina e almeno trentacinque sono sepolti Leggi tutto…

Cani

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI         Le limitazioni agli spostamenti in questa nuova emergenza prevedono le stesse eccezioni già previste della Fase 1 della pandemia:   – comprovate Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: