IGIENE ORALE CANI E GATTI seconda parte

La maggior parte dei cani e dei gatti sopra i tre anni soffre di problemi a denti e gengive che facilmente possono trasformarsi in infezioni.

Si è molto attenti a curare il loro pelo, a lavarli e spazzolarli ma non si fa la stessa attenzione ai denti. Eppure andrebbero puliti con la stessa costanza per evitare rischi alla salute e al loro benessere.

Accade come negli esseri umani: senza una corretta igiene orale, la placca si calcifica diventando tartaro che può far sollevare il colletto gengivale, indebolire la radice del dente, provocare dolori molto forti e degenerare.

Ci si trova spesso con parodontite: infiammazione e sanguinamento delle gengive, ascessi e caduta dei denti.

Quelli più a rischio sono i cani di taglia piccola perché hanno una testa più corta e quindi meno spazio per i denti, ciò contribuisce alla formazione della placca e del tartaro. Stesso dicasi per i cani brachicefali, la disposizione della loro dentatura favorisce il deposito di cibo, quindi placca e tartaro.

Proprio per la testa più corta i gatti sono molto spesso soggetti a problemi del genere, e vanno incontro frequentemente a stomatiti infettive e ricorrenti. Le razze a muso schiacciato, come i persiani, sono più predisposte.

È necessario seguire alcune regole di igiene orale ogni giorno.

1 – LAVARE I LORO DENTI ALMENO UNA VOLTA AL GIORNO. La placca impiega 24 ore a formarsi, perciò è importante che la pulizia sia quotidiana. Trovare il momento giusto, che potrebbe essere dopo il pasto serale, e farla diventare un’abitudine.

Lo spazzolino deve essere morbido e con le punte arrotondate. Esistono spazzolini a cappuccio, che si mettono sul dito (consigliati poiché riescono a raggiungere anche i punti più nascosti della dentatura consentendo così un’ accurata pulizia ),

2 – ABITUARLI PIANO PIANO SIN DA CUCCIOLI

È importante che percepiscano il lavaggio dei denti come parte della loro routine: dalle otto settimane di vita in poi è il momento di cominciare, un piccolo passo per volta, sia per i cani che per i gatti.

Ricordate che non possono comunicare il loro malessere, quindi si deve imparare a capirne i segnali e nel dubbio portateli a fare una visita dal vostro Medico Veterinario.

(continua)

 

Categorie: CaniGattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Altri animali

CONVIVENZA TRA CONIGLIO E GATTO

CONVIVENZA TRA CONIGLIO E GATTO           Come fare andare d’accordo un coniglio e un gatto ?   Molti gatti convivono pacificamente con i conigli e viceversa, nonostante i primi siano predatori Leggi tutto…

Cani

ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO

ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO       Il ginocchio è un’articolazione complessa formata da: –  più ossa (femore, tibia e rotula), – la cartilagine articolare di queste ossa, – i legamenti che mantengono uniti il Leggi tutto…

Cani

PREVENZIONE DENTALE

PREVENZIONE DENTALE           La Società italiana di odontostomatologia e chirurgia orale veterinaria ha preparato un elenco per la prevenzione dentale destinato ai proprietari di cani, ma è valido anche per i Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: