GUIDO CREPAX E I GATTI

 

Valentina e gatto

Guido Crepax, celebre e ammirato disegnatore di fumetti milanese, nacque a Milano il 15 luglio 1933 e morì il 31 luglio 2003.

Ebbe durante tutta la vita rapporto con i gatti.

Il primo fu Tino, il gatto di sua madre, di cui fece un bello schizzo a matita nel 1952, quando aveva 19 anni.

In seguito ci fu il gatto chiamato Loco, suppongo dal carattere pazzerello, visto il nome, che rimase in famiglia fino al 1967/1968.

Il micio Rosmarino però fu quello che rimase nel cuore di tutti, indimenticabile. Tra il.1979 e il 1980, Guido Crepax acquistò una vecchia “casottona” tra Pisa e Livorno che necessitava di ristrutturazione. Il capomastro che sovraintendeva i lavori gli disse che la sua gatta aveva partorito dei gattini: la famiglia entusiasta si recò in gita a Cecina per vederli…finendo con adottarne uno rosso tigrato.

Questo micetto si divertiva molto a nascondersi dentro un grande cespuglio di rosmarino, dove restava ore dormendo beato. Ci restava così a lungo che il suo pelo prese lo stesso odore e, quando veniva annusato, profumava appunto di rosmarino! E fu questo fatto che determinò la scelta del suo nome: venne chiamato come l’erba aromatica, Rosmarino.

 

Nel 1965 creò il suo personaggio più famoso, Valentina (Valentina Rosselli, fotografa).
Era l’anno di nascita della rivista a fumetti Linus e Crepax pubblicò sul secondo numero la storia “Neutron / La curva di Lesmo”,

Valentina

Era ed è tuttora internazionalmente famoso soprattutto, appunto, per il suo personaggio di Valentina e per le sue storie legate alla letteratura erotica; è famoso anche per il suo tratto e disegno riconoscibilissimi.

Valentina

Lo studio del corpo femminile e dei nudi di Crepax ricorda per molti versi quello di Klimt. Molto personale ed efficace è l’organizzazione della singola tavola, l’uso delle inquadrature, lo studio dei particolari, la potenza del bianco e nero.

Valentina

E’ tuttora considerato inimitabile maestro di potenza onirica ed erotismo.

L’Histoire d’O

 

Guido Crepax accompagnò spesso le immagini di Valentina a disegni di gatti. Si trattava quasi sempre di felini a pelo lungo e, come fosse qualcosa di già scritto, qualche anno fa nella vita di Luisa – moglie di Guido – arrivò Alcina, altera  gatta grigia a pelo lungo e coda folta che sembrava uscita da una delle storie di Valentina.

 

Bianca 1994

 

Ma Crepax faceva e aveva fatto molte altre cose, a cominciare dal suo lavoro nella grafica pubblicitaria.
Tra le sue opere nel campo dell’illustrazione non sono molto note le numerose copertine di dischi che diisegnò, avendo commissioni dagli ambiti musicali più diversi: grande jazz internazionale come musica leggera popolare degli anni Settanta.

Per una donna – Massimo Ranieri

 

Le storie di gatti e di Crepax si intrecciano ancora negli anni ’60, quando con il fratello Franco -discografico e scrittore- viene composta una serie di filastrocche a tema felino “tre storie di gatti”, scritte insieme a Dario Fo.  Naturalmente, il disegno della copertina è opera di Guido Crepax!

 

Dario Fo e Giorgio Gaber – Il mio amico Aldo e tre storie di gatti

 

La figura del gatto che compare in alcune tavole dei fumetti di Valentina è sempre intrigante e misterioso.

Valentina  Fiabe robotiche

Risultati immagini per guido crepax gatti

Risultati immagini per guido crepax gatti

 

Risultati immagini per guido crepax gatti

Risultati immagini per guido crepax gatti

Risultati immagini per guido crepax gatti

 

Sulle copertine dei dischi invece i suoi gatti sono più fiabeschi.

Copertina del disco “Il Gatto con gli stivali”

 

Il gatto milionario- copertina del disco

 

 

Lo zoo musicale- copertina del disco

 

Guido Crepax trasmise il suo amore per i gatti anche ai suoi figli, che a loro volta hanno avuto gatti. La più rimpianta è stata “Scintilla”, gatta della figlia Caterina per moltissimi anni. Anche lei era una micia rossa e tigrata, come il mitico Rosmarino,  e… viene ricordata come “cicciottona”

Un grazie particolare a Caterina Crepax che ha voluto raccontarmi i ricordi di famiglia, e concedermi l’utilizzo di foto personali pressoché inedite.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

 

 

Categorie: ArteGattiRicorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Consigli di lettura

LA GATTOMACHIA

LA GATTOMACHIA         Il giovane pianista e compositore Orazio Sciortino, ha messo in musica il poema epico burlesco di Lope de Vega del 1634 “La Gattomachia”, dove si narrano inganni amorosi, duelli Leggi tutto…

Cani

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935             È profondo il legame tra Alain Delon e i suoi cani. Nella sua vita ne ha avuti una cinquantina e almeno trentacinque sono sepolti Leggi tutto…

Cani

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI         Le limitazioni agli spostamenti in questa nuova emergenza prevedono le stesse eccezioni già previste della Fase 1 della pandemia:   – comprovate Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: