GLI ANIMALI DA COMPAGNIA NON DIFFONDONO IL NUOVO VIRUS!

 

Risultato immagini per foto con cani e persone

 

In questi giorni mi sento spesso chiedere riguardo il pericolo della trasmissione del Coronavirus Covid 19 dagli animali domestici o a loro.

Riporto questo articolo di ANVI (Associazione Nazionale Veterinari Italiani che traduce e riassume un documento preparato appositamente dalla World Small Animal Veterinary Association (WSAVA) per aiutare i Medici Veterinari a rispondere alle domande frequenti sul nuovo coronavirus e per rassicurare i proprietari.

WSAVA

“Prima regola: gli animali da compagnia non diffondo il nuovo Coronavirus. lo dicono tutte le autorità sanitarie mondiali, ricordando una misura di ordinaria igiene: lavarsi le mani con acqua e sapone dopo ogni contatto con il proprio pet.

Il documento è datato 9 febbraio 2020.

A tutti– “Sollecitate i proprietari a non lasciarsi prendere dal panico”– raccomanda la WSAVA, perchè cani e gatti non trasmettono il virus. Il presidente della WSAVA, il dott. Shane Ryan, si è detto preoccupato per il rischio che, a livello globale, Covid-19 possa determinare un aumento di cani e gatti abbandonati o in condizioni di sotto-accudimento.

Ai proprietari in quarantena–  Michael Lappin, presidente del Comitato One Health della WSAVA, raccomanda ai veterinari di dare ai proprietari i seguenti consigli, qualora fossero in quarantena, anche volontaria:
• tenere con sé i loro animali da compagnia
• tenere i gatti all’interno
• provvedere alle cure di eventuali pets che rimangono in casa, nel caso in cui i loro proprietari abbiano familiari o amici ospedalizzati da accudire
• contattare il proprio veterinario in caso di domande o dubbi.

Domande e risposte frequenti

Devo evitare il contatto con animali domestici o altri animali se sono malato? Non bisogna mai maneggiare animali domestici o altri animali quando si è malati. Non fa eccezione il  nCoV-2019. Accorgimento supplementare: indossare una mascherina se il contatto con gli animali è necessario, ad esempio se si è gli unici a prendersene cura. Le persone con diagnosi di nCoV-2019 dovrebbero stare lontano dagli animali domestici per proteggerli.

Cosa fare se l’animale ha bisogno di cure ed è stato in contatto con una persona contagiata dal nuovo coronavirus? La raccomandazione è di avvisare il medico veterinario, prima di portarlo direttamente in ambulatorio, di informarlo del contatto del’animale con persona contagiata e di attenersi alle indicazioni della struttura veterinaria.

Quali sono le preoccupazioni relative agli animali domestici che sono stati in contatto con persone infette da questo virus? Il virus si sta diffondendo da persona a persona. Ad oggi non ci sono prove chi i cani e i gatti possano essere infettati dal nCoV-2019.

Cosa si dovrebbe fare con gli animali nelle aree in cui il virus è attivo? Poichè diversi tipi di coronavirus possono causare malattie negli animali, fino a quando non ne sapremo di più sul nuovo CoV-2019, nelle aree dove il virus è attivo, bisognerebbe evitare il contatto con gli animali e indossare una mascherina se si interagisce con gli animali o se ne prende cura”.

da AnmviOggi 25 febbraio 2020

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

 

 

Categorie: CaniGattiNewsSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

News

LUCCA, CITTÀ A MISURA D’UOMO E ANIMALI

LUCCA, CITTÀ A MISURA D’UOMO E ANIMALI         Gli esperti dell’Università di Pisa hanno realizzato un progetto, “In habit” per rendere Lucca la prima città smart in tutta Europa, progettata a misura Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: