GIORNATA MONDIALE DEL CANE   26 agosto

 

La Giornata Mondiale del Cane fu istituita negli USA nel 2004 da Colleen Paige, “avvocato” degli animali ed esperta di stile di vita di pet e famiglia.
Lo scopo era quello di dare visibilità e richiamare l’attenzione sulle situazioni critiche degli animali e incoraggiare le adozioni.

La data del 26 agosto è significativa perché è quella in cui la famiglia di Colleen adottò il suo primo cane “Sheltie” quando lei aveva dieci anni.

 

Lo scorso anno, per celebrare la Giornata Mondiale del Cane, l’Universidad Latinoamericana de Ciencia y Tecnología (Ulacit), in Costa Rica, ha concesso ai membri della comunità universitaria di portare i loro amici pelosi nel campus.
Era possibile anche far “seguire” loro le lezioni, a patto che non sporcassero e disturbassero (e, naturalmente, che non fossero aggressivi)
Questa Università è privata e ha sede nella capitale del Costa Rica, San José, e l’idea era quella di consentire a studenti, professori e personale amministrativo di trascorrere più tempo con i loro animali domestici.

Il direttore della sostenibilità di Ulacit ha dichiarato: «La scelta arriva in una Paese dove metà delle famiglie ha almeno un cane nelle loro case, ma molti medici dicono che trascorrono poco tempo con loro».

Dopo trenta giorni tutto procedeva bene, senza reclami di disagio o di rifiuto da parte di studenti o del resto del personale.
Per garantire al meglio lo svolgimento dell’iniziativa occorreva presentare alla segreteria dell’Università un certificato veterinario sullo stato di salute del cane, il libretto sanitario con tutte le vaccinazioni e trattamenti antiparassitari in regola, compilare un modulo con i dati completi del proprietario e pagare una tassa di 10 dollari.

Inoltre, ogni studente con cane doveva leggere, accettare e sottoscrivere il regolamento emesso dall’Università stessa, che prevedeva la buona convivenza e l’accordo con i compagni di classe, nel caso in cui uno di loro fosse infastidito dalle presenza del cane in aula. Era anche previsto che i proprietari degli animali avessero sempre a disposizione un kit di pulizia (sacchetti per le feci e salviette umide disinfettanti) e si assumesse la responsabilità della pulizia delle deiezioni solide e liquide.

Oltre al benessere umano, si è pensato a quello animale con l’apertura di un “asilo” per cani, per non obbligarli a seguire sempre e solo i corsi in aula.

L’iniziativa ha avuto molto successo ed è stata accolta con piacere dagli studenti. Il loro umore era molto migliorato non avendo più la preoccupazione di lasciare i propri animali a casa da soli.
Recenti sondaggi negli USA mostrano come il 90 % dei dipendenti delle aziende che permettono l’accesso ai cani hanno una produttività maggiore e una riduzione dell’assenteismo.

Nella Giornata Mondiale del Cane questo esempio mette in evidenza come regole e buon senso possono far convivere le esigenze di tutti tutelando sia il benessere degli animali, sia chi ha la fortuna di godere della loro compagnia, sia chi ancora non ne apprezza la vicinanza e non riesce a comprenderne il mondo.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350 Solo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari da concordare.

Categorie: CaniRicorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Cani

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.             Quando si fanno escursioni in montagna, è facile incontrare mucche al pascolo.   L’incontro con gli animali sul pascolo richiede prudenza. Occorre ricordare che un Leggi tutto…

Arte

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES             La Cattedrale di Nantes, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, ospita il monumento sepolcrale dei Duchi più amati dai Bretoni: Francesco II di Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: