DURANTE UNA GRAVIDANZA NON ALLONTANATE IL VOSTRO GATTO!

 

 

Il toxo-test è uno dei primi esami prescritti a una donna in gravidanza.

Se è postivo, significa che la futura mamma è già entrata in contatto con il parassita responsabile della toxoplasmosi, ed è quindi provvista degli anticorpi. Se invece risultasse negativo vorrebbe dire che questo contatto non c’è stato e, se contraesse l’infezione proprio durante l’attesa, mancando gli anticorpi specifici, potrebbero esserci conseguenze anche molto serie per il suo bambino.

È a questo punto che per il gatto di casa iniziano i problemi. e molto spesso viene allontanato se non addirittura dato via.
Ciò avviene per le scarse conoscenze sull’argomento.

È vero che il gatto può trasmettere il parassita attraverso le feci, ma, in realtà, è davvero difficile che un gatto domestico (sempre vissuto in appartamento e non precedentemente randagio) possa contrarre la toxoplasmosi e trasmetterla all’uomo, a meno che non vada in giardino ed entri in contatto con terreno contaminato da animali randagi.

Il problema è limitato alle feci e alla lettiera, per precauzione è consigliabile farla pulire ad altri membri della famiglia oppure indossare i guanti e lavare le mani con sapone ed acqua corrente al termine delle operazioni di pulizia.

Ricordiamo anche che le cisti del parassita si schiudono circa 2-3 giorni dopo la deposizione delle feci, a una temperatura ambientale di 24°C e ad alta umidità: il rischio di contaminazione risulta ulteriormente ridotto se la lettiera viene pulita giornalmente.

I gatti d’appartamento da me testati, hanno sempre dato esito negativo.

I rischi sono altri: verdure fresche poco pulite, insaccati…. Anche l’attività del giardinaggio e del “balconaggio” può rappresentare un rischio toxoplasmosi per la gestante se la si esegue senza guanti, e senza lavare poi accuratamente le mani.

Ricapitolando: non c’è alcun motivo di allontanare il gatto che invece è un ottimo compagno in gravidanza, con il suo effetto distensivo e rilassante, se però vi sentite insicuri, o ci sono situazioni che vi fanno supporre che il vostro micio possa essere un portatore della Toxoplasmosi,  portatelo dal vostro Medico Veterinario che risponderà a tutte le vostre domande, e all’occorrenza vi proporrà di eseguire il test.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

 

Categorie: GattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

STERILIZZAZIONE PRECOCE DEI CANI E POSSIBILI PATOLOGIE ARTICOLARI

STERILIZZAZIONE PRECOCE DEI CANI E POSSIBILI PATOLOGIE ARTICOLARI         “La sterilizzazione precoce dei cani maschi e femmine e la sua relazione con un aumento del rischio di sviluppare patologie articolari e di Leggi tutto…

Alimentazione

IL BLOCCO GASTROINTESTINALE NEL CONIGLIO

IL BLOCCO GASTROINTESTINALE NEL CONIGLIO           Come ho già avuto modo di spiegare, Il coniglio è un erbivoro e per una buona funzionalità del suo sistema digestivo gli occorrono alimenti ad Leggi tutto…

Gatti

LA TRIADITE DEL GATTO

LA TRIADITE DEL GATTO           Nel gatto, la concomitante infiammazione di fegato/vie biliari, intestino e pancreas è definita con il termine triadite.   Il gatto ne è più soggetto del cane Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: