DOTTOR GOOGLE


Succede in Medicina Umana, e succede pure in Medicina Veterinaria.
Sempre più persone non interpellano il proprio Veterinario e si rivolgono con fiducia al “Dottor Google”.

Si nota un sintomo, un comportamento, un malessere. Lo si digita su internet ed ecco spuntare diagnosi, rimedi, cure e i farmaci da somministrare.

I motori di ricerca soddisfano velocemente una curiosità: l’informazione è subito fruibile.

È un atteggiamento legittimo. Il problema è quando ci si imbatte in informazioni fuorvianti. Ma anche quando le risposte sono centrate, non si sanno interpretare, né recepire correttamente. Entrambe le situazioni sono pericolose.

“Dottor Google” è gratis, disponibile sette giorni su sette, ventiquattro ore su ventiquattro…a portata di mouse. È un’abitudine rischiosa, il pericolo è quello di compromettere la salute dei nostri animali.
La maggior parte dei risultati che si trovano su internet non sono attendibili. I motori di ricerca non fanno distinzioni tra informazioni potenzialmente utili, sciocchezze o addirittura bufale.
Se poi queste persone si rivolgono al Medico Veterinario iniziano lunghe discussioni stancanti e contestano diagnosi e cure somministrate, perché su Google hanno letto altro e non vogliono fidarsi di chi ovviamente ne sa di più.
La figura del Medico Veterinario ne esce sminuita…. anni di studio, competenza ed esperienza acquisite, specializzazioni… buttate malamente nel cestino.

Questa cattiva abitudine andrebbe cancellata al più presto, ma non si può non tener conto di questi nuovi canali informativi che sono a disposizione dei clienti-pazienti.

Il “dottor Google”, deve essere sì combattuto, ma soprattutto vigilato e istruito, rendendolo il più attendibile possibile affinché induca il proprietari di animali d’affezione a rivolgersi al proprio Medico Veterinario, alle strutture autorizzate e deputate alla cura.

Ci vuole buonsenso, non mouse. Con la salute non si scherza, ma la malattia più diffusa è sempre la superficialità. E questo, naturalmente, Google non lo dice.

“Coloro che si sono già diagnosticati da soli tramite Google, ma desiderano un secondo parere, per cortesia controllino su yahoo.com”.

Categorie: CaniGattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Consigli di lettura

LA GATTOMACHIA

LA GATTOMACHIA         Il giovane pianista e compositore Orazio Sciortino, ha messo in musica il poema epico burlesco di Lope de Vega del 1634 “La Gattomachia”, dove si narrano inganni amorosi, duelli Leggi tutto…

Cani

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935             È profondo il legame tra Alain Delon e i suoi cani. Nella sua vita ne ha avuti una cinquantina e almeno trentacinque sono sepolti Leggi tutto…

Cani

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI

GLI SPOSTAMENTI PER MOTIVI DI SALUTE NON SONO LIMITATI         Le limitazioni agli spostamenti in questa nuova emergenza prevedono le stesse eccezioni già previste della Fase 1 della pandemia:   – comprovate Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: