DNA CANI ASSOCIATO AL MICROCHIP IN ANAGRAFE ANIMALI D’AFFEZIONE

 

 

In molti comuni d’Italia si sta riflettendo se introdurre una marcatura genetica di tutti i cani presenti sul territorio.

Lo scopo è quello di incentivare i proprietari di cani a raccogliere sempre le feci del proprio amico peloso.
Questo sistema viene già utilizzato con successo in alcuni paesi del Nord Europa.

Questo progetto pilota è applicato a Malnate (Varese) e si basa sull’aggiornamento dell’anagrafe canina già presente in municipio con anche i dati genetici del cane.

Per avere il dna di ogni cane, un Medico Veterinario preleva un campione di saliva che, una volta analizzato, fornirebbe l’identità genetica di ogni animale.
Una banca dati comunale associata all’anagrafe canina fungerebbe da archivio, consultabile ogni volta che si trovano feci per strada. Sarà sufficiente prelevarne un campione, farlo analizzare da un genetista e si troverà il responsabile.

A Malnate le analisi vengono pagate dalla ditta che si occupa della pulizia delle strade. Nell’autunno del 2017 era iniziata la mappatura del DNA dei cani attraverso campioni di saliva, prelevati da due Medici Veterinari del paese. Tutti i cani erano stati schedati già a fine anno e solo 28 animali su un totale di 2156 erano sfuggiti alla schedatura.

Per la mancata registrazione è prevista una sanzione di 50 € Per i proprietari dei cani schedati che nonostante questo hanno continuato a non raccogliere le feci dal marciapiede la multa è di 75 €.

Anche la Provincia di Bolzano, ha adottato questo sistema dallo scorso agosto.
I padroni dei cani sono obbligati a fare l’esame del Dna al proprio animale, al costo di 25 €, e così, chi lascia gli escrementi del proprio cane in giro, è rintracciato subito e paga multe salatissime.

Una valutazione costi-benefici sul metodo è importante, a Malnate, paese di diciassette mila abitanti, il sistema è costato 40.000 euro, pagato dall’azienda dell’igiene urbana, ma quanto costerebbe in città molto più grandi, Milano per esempio?

Inoltre, se i cani vengono spostati in comuni limitrofi, o in altre città, l’autore delle deiezioni non può essere identificato.

Occorre che le Anagrafi degli animali d’affezione vengano riunite a livello nazionale, e non siano più solo un fatto comunale, provinciale o regionale.
Solo così si avrebbe la mappatura completa dei cani, che servirebbe non solo per il loro dna, identificativo delle feci, ma soprattutto nei casi di smarrimento.

 

 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

News

LUCCA, CITTÀ A MISURA D’UOMO E ANIMALI

LUCCA, CITTÀ A MISURA D’UOMO E ANIMALI         Gli esperti dell’Università di Pisa hanno realizzato un progetto, “In habit” per rendere Lucca la prima città smart in tutta Europa, progettata a misura Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: