DICIAMO NO ALL’ABBANDONO DEGLI ANIMALI!

Il grande fotografo Manuel Litran, nato in Algeria nel 1927,  pubblicò questa fotografia impressionante nel luglio del 1980 su Paris Match per denunciare l’abbandono dei cani.

Egli si fece consegnare 140 cadaveri dei cani abbandonati in occasione della partenza per le vacanze e soppressi dopo due giorni dal ritrovamento.
Li dispose sulla pista del circuito automobilistico di Nevers Magny-Cours, per stigmatizzare l’atrocità del fatto.
Lo shock provocato da questa foto diede il via al cambiamento del regolamento che in Francia imponeva l’eutanasia dei cani abbandonati, e da allora questa viene praticata solo per gravi motivi di salute.

Purtroppo però il problema dell’abbandono degli animali non è ancora risolto, né in Francia, né in Italia, e con l’arrivo delle vacanze aumenta in modo considerevole.

L’ associazione animalista AIDAA. riferisce:

“Nell’ultima settimana di giugno sono stati 2.400 i cani entrati nei 120 canili monitorati da AIDAA e sparsi in tutte le regioni italiane. Complessivamente nel mese di giugno sono stati oltre 188.000 i cani entrati in questi canili con un miglioramento di circa il 22% rispetto allo stesso mese del 2017 (Si tratta di un dato parziale relativo a un decimo del totale dei canili e dei rifugi presenti in Italia).”

Non sono solo i cani abbandonati per strada (i cani non microchippati lasciati in strada sono diminuiti del 30% rispetto ai dati di cinque anni fa), aumentano gli “abbandoni” di cani fuori dai canili o consegnati personalmente alle strutture da chi non riesce più a gestirli.

In forte aumento soprattutto nei canili del nord Italia, e soprattutto nell’area di Milano, la presenza di molossoidi, per la moda tra i giovani di volere cani di grossa taglia in particolare pitbull e amstaff.  Molto spesso poi vengono abbandonati o messi in adozione in quanto non in grado di provvedere alla loro gestione quotidiana, “e questo rappresenta un problema nel problema”.

Prima di introdurre un cane in famiglia si dovrebbe parlare con un Medico Veterinario, che spieghi i problemi relativi alle varie razze, e spieghi l’impegno a cui si va incontro, per essere pienamenti consapevoli della scelta che si vuole fare, che è per la vita.

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

UN PERRO HA MUERTO (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda

UN PERRO HA MUERTO  (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda                   Neruda sentado junto al perro ‘Nyon’. / M. URRUTIA (FUNDACIÓN PABLO NERUDA)       Pablo Neruda (Parral, 12 luglio 1904 Leggi tutto…

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: