14 NOVEMBRE GIORNATA MONDIALE DEL DIABETE MELLITO

Anche i cani e gatti possono soffrire di diabete.
Al pari del diabete umano, quello veterinario è associato a elevati livelli di glucosio nel sangue e dà luogo a diverse importanti complicanze che mettono in pericolo la vita dell’animale e ne riducono notevolmente l’aspettativa e la qualità della vita.
I proprietari di cani e gatti devono esserne informati per una miglior gestione del proprio animale attraverso una maggior attenzione all’alimentazione e allo stile di vita, misure di prevenzione della malattia, ma anche attraverso un maggior ricorso alle visite medico-veterinarie periodiche per controlli e interventi di screening.

Anche in medicina veterinaria, come in quella umana, si stima che il numero di cani e gatti con diabete non diagnosticato sia altissimo.
Deve aumentare l’attenzione dei proprietari verso i segni e sintomi manifesti per richiedere l’intervento del Medico Veterinario e giungere alla diagnosi della malattia.
Infatti, solo se il cane o gatto con sintomi sospetti viene portato dal Medico Veterinario sarà possibile confermare la diagnosi e approntare un’adeguata terapia che migliorerà la qualità e l’aspettativa di vita del animale diabetico.

Il Medico Veterinario fornirà indicazioni per la corretta prevenzione (alimentazione e stile di vita) e su quali sono i principali segni indicatori di diabete da tenere sotto controllo; in presenza di tali segni e sintomi il proprietario del Pet dovrà rivolgersi tempestivamente al Medico Veterinario per intraprendere il necessario percorso diagnostico e terapeutico.

La diagnosi di diabete nel cane e nel gatto si conferma mediante il riscontro dell’iperglicemia (aumento degli zuccheri nel sangue), della perdita di glucosio nelle urine (glicosuria), e dell’aumento delle fruttosamine nel sangue. Le fruttosamine sono proteine che si legano in modo irreversibile al glucosio; le fruttosamine aumentano durante l’iperglicemia.

I sintomi più tipici del diabete nel cane e nel gatto sono l’aumento della produzione di urina e l’aumento della sete (poliuria e polidipsia), l’appetito eccessivo (polifagia) e la perdita di peso. In alcuni casi i gatti presentano un’andatura plantigrada causata dalla neuropatia diabetica, ed i cani manifestano difficoltà visive quale conseguenza dello sviluppo della cataratta diabetica.

Nel gatto diabetico numerosi studi hanno dimostrato l’importanza dell’obesità come fattore predisponente; altri fattori sono l’inattività e l’alimentazione scorretta.

La terapia insulinica, l’attenzione alla dieta e all’attività fisica permettono di trattare con successo il diabete. I proprietari di un cane o di un gatto diabetico possono ripristinare la qualità di vita dei loro animali grazie ad una efficace gestione del diabete mellito.
Si stima che circa 1 cane su 500 venga colpito dal diabete.

I cani di mezza età sono maggiormente predisposti allo sviluppo del diabete. Più comunemente colpite sono le cagne non sterilizzate.

Se il proprio cane soffrisse di diabete e dovesse seguire una terapia insulinica, è bene che porti una medaglietta con l’indicazione, in modo da poter essere sempre curato e controllato, anche in caso di smarrimento, o di furto.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

Cani

IL SENSO DELL’OLFATTO NEI CANI

 IL SENSO DELL’OLFATTO NEI CANI     I sensi sono cinque, e sono quelle parti del corpo che con la loro attività fanno conoscere ogni aspetto della realtà: immagini delle cose, suoni, odori, sapori e Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: