COMPORTAMENTO IN AREA CANI

Le aree cani, o aree di sgambamento, sono indispensabili, soprattutto in città, per poter lasciare liberi i cani in sicurezza.

Portateli sin da cuccioli, che possano correre, giocare, sfogarsi e soprattutto socializzare con gli altri cani.

Avviene soprattutto in area cani che il cucciolo impari a comportarsi correttamente con i suoi simili, e crei un legame profondo con il suo proprietario, iniziando pure a obbedirgli.

Perché questo avvenga dovete essere presenti con loro. Fateli giocare e interagite; vigilate su quanto accade, che si tratti di qualcosa che stanno per mangiare, o le loro feci da raccogliere, o un gioco che li sta eccessivamente eccitando, o l’arrivo di un cane sconosciuto, o di uno conosciuto e non compatibile.
Teneteli sempre d’occhio e non distraetevi con smartphone, letture varie e chiacchiere…

Prima di entrare verificate la compatibilità con i cani presenti, e ricordate che le aree cani sono luoghi pubblici, sono di tutti. Se dovesse arrivare un cane con cui il vostro non va d’accordo, pregate il padrone di attendere e uscite dopo 15/20 minuti dal vostro arrivo per lasciarlo entrare. Nessuno può permettersi di farne un uso personale e occupare per ore lo spazio, non permettendo agli altri di entrare. E per chi aspetta fuori, ci si allontana dalla recinzione almeno una cinquantina di metri o dove comunque i cani non possano vedersi per non aumentare le tensioni dei cani all’interno che hanno anche loro il diritto di divertirsi.

Ci sono comportamenti diversi da tenere a seconda si sia da soli con il proprio cane, o in presenza di altri soggetti.

Se portate con voi anche dei bambini, soprattutto in presenza di cani sconosciuti, devono stare seduti tranquilli, quella non è la loro area giochi e non devono essere esposti a pericoli.

L’area cani è pensata per lasciarli finalmente liberi, e dare loro la possibilità di correre oltre che di passeggiare, non vanno quindi tenuti al guinzaglio, come ho visto fare, né quando sono da soli né assolutamente in presenza di altri. Il cane al guinzaglio sa di non poter scappare e allo stesso tempo si fa forte del legame creato dal guinzaglio con il proprio padrone, quindi ci sono molte possibilità che litighi, per paura o come gesto temerario.

Anche stare col cane di piccola taglia in braccio o seduti sulla panchina con lui vicino non va fatto in presenza di altri, soprattutto sconosciuti. Potrebbe sentirsi appoggiato da voi e diventare più arrogante, più protettivo e più aggressivo in risposta alla curiosità degli altri.

Giochi vari di lancio e riporto con giochini, palle o frisbee vanno fatti quando si è soli, e non all’interno di un gruppo, dopo i primi lanci subentra competizione per possessività, e si potenzia l’aggressività.

In area cani non si deve portare del cibo, né distribuirlo agli altri cani presenti!

Nonostante si continui a ripetere di non farlo, c’è chi porta cagne in calore nelle aree di sgambamento, anche in presenza di altri cani maschi…il dubbio sull’intelligenza di queste persone è comprensibile!

Ma anche portarle in assenza di maschi è un comportamento scorretto. La loro urina contiene grandi quantità di ormoni che fanno impazzire il singolo maschio che arriva in seguito. L’odore di questi ormoni crea forti tensioni e litigi tra più maschi presenti in contemporanea. Per quei venti giorni, due volte all’anno, le femmine vanno portate in zone poco frequentate da altri cani, e le aree recintate vanno escluse.

In area cani infine non vanno portati cani ammalati, appena vaccinati o che abbiano da poco fatto un trattamento contro i parassiti intestinali. Le feci vanno raccolte sempre, e subito, e gettate negli appositi cestini.

Come in molte altre situazioni, il buonsenso, l’educazione e il rispetto agevolano al massimo la possibilità di usufruire nel migliore dei modi dell’Area Cani.

 

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

 

Categorie: CaniComportamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

UN PERRO HA MUERTO (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda

UN PERRO HA MUERTO  (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda                   Neruda sentado junto al perro ‘Nyon’. / M. URRUTIA (FUNDACIÓN PABLO NERUDA)       Pablo Neruda (Parral, 12 luglio 1904 Leggi tutto…

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: