COLLARE ELISABETTIANO

Il collare elisabettiano è un collare a forma di imbuto, che viene posto attorno al collo del cane o del gatto come supporto nelle terapie del prurito o dopo un’operazione per evitare che possa strappare i punti di sutura, grattarsi, leccarsi, oppure mordersi la coda o toccarsi testa, occhi etc, se ciò nuoce alla sua salute.

Deve il suo nome alla regina Elisabetta I, che era solita utilizzare gorgiere sugli abiti.

Ce ne sono di vari tipi, il più usato è quello rigido in plastica trasparente.

Il collare va applicato solo quando l’animale non è sotto la vostra sorveglianza, per impedire di toccarsi la ferita (per esempio la notte) altrimenti evitate di usarlo, poiché cane e gatto lo trovano fastidioso.
Il collare elisabettiano riduce la loro visibilità, anche quando è trasparente. Attenzione a togliere gli ostacoli dal suo cammino per non arrecargli danno.
Perdendo i punti di riferimento spaziali il collare elisabettiano può essere pericoloso per cane e gatto; può urtare porte, muri, ecc. perché non è in grado di misurare quanto spazio occupa con il nuovo collare e potrebbe farsi male involontariamente.
La scarsa mobilità che il cane o il gatto ha lo porterà ad essere nervoso e non accetterà volentieri il collare. Dargli un “premietto” quando glielo si fa indossare può servire a fargli associare il collare a qualcosa di positivo e gradevole.

Sarà un momento stressante anche per il padrone e per tutta la famiglia ma si dovrà agire con calma e tranquillità, sapendo di stare accelerando la guarigione del proprio amico peloso.
Utilizzate un collare della misura giusta, né troppo piccolo (perché non avrebbe l’effetto desiderato), ma neanche troppo grande (lo renderebbe ancora più impacciato nei movimenti).

Adesso, per la protezione del tronco (dorso, torace, addome) si preferisce utilizzare una tutina chirurgica, decisamente più gradita del collare elisabettiano. Per i gatti c’è la difficoltà iniziale, e poi si adattano; i cani invece quasi non se ne accorgono.

Chiedete sempre consiglio al vostro Medico Veterinario.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
Categorie: CaniGattiSalute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Gatti

METODI CONTRACCETTIVI PER LE GATTE

METODI CONTRACCETTIVI PER LE GATTE             È risaputo che le gatte hanno ottime capacità riproduttive. Già ai tempi dell’antico Egitto le si venerava quale simbolo di fertilità.    Nell’epoca in Leggi tutto…

Arte

ANTICO CIMITERO DI GATTI IN EGITTO

ANTICO CIMITERO DI GATTI IN EGITTO           Nell’antico Egitto il culto dei gatti assunse un’importanza tale che sorsero in tutto il Regno una serie di necropoli a loro dedicate.   Il Leggi tutto…

Altri animali

FRIDA KAHLO E GLI ANIMALI

FRIDA KAHLO E GLI ANIMALI       Frida Kahlo, all’anagrafe Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón (Coyoacán, 6 luglio 1907 – Coyoacán, 13 luglio 1954) è stata un’artista messicana.   Ebbe una vita costellata Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: