CANI NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO

 
 
Risultati immagini per ovejero aleman en la segunda guerra mundial
 
 
Il cane si dice essere il miglior amico dell’uomo, ma, se finisce nelle mani sbagliate, può diventare il suo peggior nemico.
 
Sin dai tempi antichi fu utilizzato come “animale da offesa”, addestrato ad attaccare l’uomo, a inseguirlo, fermarlo, morderlo e anche ucciderlo.
Chi così lo ha addestrato ne ha snaturato l’indole, sfruttando la nobile caratteristica di difendere il proprio umano e facendolo diventare una “macchina da guerra”.
 
Tante tristi storie lo hanno accompagnato lungo i secoli, arrivando alle atrocità che l’uomo gli fece commettere nei campi di concentramento, durante la Seconda guerra mondiale.
 
Nel marzo 1940 a Mauthausen arrivò un nuovo vicecomandante, lo Schutzhaftlagerführer Georg Bachmayer, un bavarese che instaurò un regime brutale e di terrore tra i detenuti. Godeva nell’infliggere personalmente torture e morte; aveva due mastini napoletani addestrati a sbranare i prigionieri al suo comando; questa morte era chiamata dagli aguzzini “il bacio del cane”.
 
Irma Grese, nata nel ’23, fu probabilmente una delle guardie più sadiche, se non la più sadica in assoluto, della triste storia dei campi.
Nel 1943 rfu assegnata ad Auschwitz-Birkenau, dove indossava stivali pesanti e portava una pistola e una frusta intrecciata costituita da corda e cellophane.
In brevissimo tempo fu promossa a responsabile femminile del campo, Rapportführerin. La Grese divenne famosa non solo per il proprio atteggiamento sadico, ma anche per i suoi due grossi cani da guardia, che teneva affamati e scagliava all’attacco contro i prigionieri inermi; durante le marce dai capannoni ai luoghi di lavoro, faceva sbranare dai cani i detenuti che rimanevano indietro.
Fu la donna che uccise da sola e direttamente più persone nella storia dell’umanità: circa trenta vittime al giorno per due anni (considerando solo il periodo di Auschwitz). La maggior parte di queste persone fu uccisa con i cani!
Fu trasferita nel 1945 a Belsen dove ebbe il soprannome La Bestia (il Diavolo) di Bergen-Belsen.
Il 13 Dicembre 1945 divenne la più giovane criminale nazista giustiziata della storia, Quando sul patibolo le venne infilato il cappuccio bianco l’ultima parola che pronunciò fu:
Schnell
 
 
Un’altra donna spietata fu Charlotte S, una guardia del campo di concentramento femminile di Ravensbrück, nel nord della Germania, famoso per la sua brutalità.
Charlotte è stata ricordata dai superstiti come una donna temuta che picchiava i prigionieri e li trattava con una violenza disumana.
La nazista era talmente fanatica, che aveva addestrato il proprio cane a mordere i genitali dei detenuti.
Poi fu trasferita ad Auschwitz. Anche qui, la guardia dai capelli biondi e il suo cane erano temuti da tutti i prigionieri.
Una detenuta ha dichiarato dopo la guerra: “Ricordo una donna con un sorriso gentile che mascherava una natura orribile. Aveva un cane ringhioso addestrato a odiare i prigionieri”.
Ricordiamo anche questa sofferenza, nel Giorno della Memoria, inflitta dai cani…e auspico che non debba mai più succedere!
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
 
 
 
Categorie: CaniRicorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

Cani

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!     “Baby” è una serie televisiva italiana prodotta da Netflix, che si ispira liberamente allo scandalo delle “baby squillo” dei Parioli, risalente all’anno 2013, raccontando la vita Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: