ASCOLTARE IL PAZIENTE… E IL SUO PROPRIETARIO

Ai nostri pazienti…manca la parola!

Non possimo chiedere loro come si sentano, che disturbi abbiano, dove avvertano fastidio o dolore… e come sia successo.

La semeiotica, disciplina medica che studia i sintomi e i segni clinici di una patologia su un paziente, ben praticata può fornire un aiuto, ma spesso non è sufficiente.

Quindi, noi veterinari dobbiamo prestare molta attenzione a quanto ci viene riferito dal proprietario e dalla sua famiglia. Va sempre soppesato e filtrato, ma il racconto del rapporto con l’animale da compagnia da parte di ogni elemento del gruppo famigliare può svelarci dei sintomi, aiutarci nella diagnosi e farci scegliere la terapia.

La capacità di ascoltare è complementare al rapporto medico-paziente/cliente: è spiccata in me la propensione ad accogliere e interessarmi alla “storia della malattia” da parte di ogni membro della famiglia. Ogni particolare riveste importanza, e anche pareri a volte contrastanti, e versioni diverse di un fatto possono fornire un’immagine d’insieme.

Voglio capire il proprietario e il suo nucleo famigliare, per riuscire a creare empatia e comprensione che faciliti la risoluzione del problema presentato, il processo terapeutico e la guarigione.

Questo rende più facile far comprendere le scelte terapeutiche e affrontare anche situazioni potenzialmente stressanti.

Creare una relazione mi permette di affrontare argomenti riguardanti il benessere e la prevenzione, la nutrizione e lo stile di vita del paziente.

L’ascolto diventa reciproco e crea fiducia

Quando un cane arriva in ambulatorio, voglio che venga subito lasciato libero, mentre parlo con il proprietaio. In questo modo, ispezionando l’ambiente e familiarizzando, il soggetto acquista sicurezza, ed è più disponibile a interagire con me. Inoltre, osservarlo nei suoi movimenti e nei suoi atteggiamenti, è un modo alternativo di “ascoltarlo”.

Ogni animale ha una storia, ascoltarla mi permette di capirla e valutare come fare perché prosegua nel modo migliore.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
Solo per appuntamento:
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari  da concordare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Altri animali

L’OCCHIO DEL LUPO di Daniel Pennac – 1984

L’OCCHIO DEL LUPO di Daniel Pennac – 1984             L’occhio del lupo è un breve romanzo, quasi più un racconto, scritto da Daniel Pennac (1 Dicembre 1944, Casablanca, Marocco) nel Leggi tutto…

Consigli di lettura

LA GATTOMACHIA

LA GATTOMACHIA         Il giovane pianista e compositore Orazio Sciortino, ha messo in musica il poema epico burlesco di Lope de Vega del 1634 “La Gattomachia”, dove si narrano inganni amorosi, duelli Leggi tutto…

Cani

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935

ALAIN DELON 8 NOVEMBRE 1935             È profondo il legame tra Alain Delon e i suoi cani. Nella sua vita ne ha avuti una cinquantina e almeno trentacinque sono sepolti Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: