ANIMALI E NEONATI (seconda parte)

 

 

All’arrivo del neonato l’ideale sarebbe farli incontrare all’aperto e poi farli salire in casa insieme. Se questo non fosse possibile, l’ingresso va gestito in modo tranquillo e sereno, non devono concentrarsi subito tutti sul bimbo ma se c’è un cane dargli la sicurezza di sapere che anche lui è importante. Il cane irruente può essere gestito al guinzaglio e fatto avvicinare al nuovo arrivato solo quando è calmo e sotto controllo.

Quando il neonato arriva a casa, non si deve diminuire la quantità di attenzioni riservate a cani e gatti e loro vanno premiati con carezze, offerte di cibo e giochi quando rimangono calmi: nella loro mente si creerà un’associazione positiva con l’immagine del bambino.

Se tentano un approccio col bimbo non vanno allontanati, ma fatti restare nella stessa stanza col bambino, facendoli intrattenere con giochi interattivi pieni di cibo diverso e gradito, sempre sotto attenta supervisione. I gatti potrebbero volersi sistemare nella culla con il bimbo, all’inizio è davvero sconsigliabile perché il peso dei mici è sovente superiore a quello del neonato e se si accomodassero su di lui lo schiaccerebbero senza dargli possibilità di muoversi, con il rischio di soffocarlo.

È sicuramente importante coinvolgere gli animali nella routine quotidiana, farli assistere alla poppata, al bagnetto, al cambio del pannolino.

Non dovrebbero esserci problemi con i gatti, i cani invece potrebbero diventare troppo eccitati o incuriositi. In questo caso l’uso di cancelletti divisori sarebbe utile per la conoscenza, anche se a distanza. E’ molto importante non escluderli dalla nuova consuetudine giornaliera.

Altrettanto importante è evitare che cani e gatti diventino gelosi del nuovo arrivato.
Devono avere la sensazione che non stanno perdendo nessuna delle loro prerogative e non si devono sentire in “competizione”. Si devono mantenere le stesse abitudini e le stesse uscite aumentandole se possibile e rendendole più interessanti per farli rilassare .
Se gli ospiti facevano giocare e coccolavano per tutta la sera cani/gatti, si deve evitare che con l’arrivo del neonato li ignorino, e al loro arrivo dovrebbero dedicare qualche minuto ai soliti giochi e carezze.

Animali e umani adulti parlano linguaggi differenti, con un neonato le differenze sono ancor più accentuate, quindi non è prudente lasciare cani e gatti, anche se affidabili, da soli con un lattante.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

Cani

IL SENSO DELL’OLFATTO NEI CANI

 IL SENSO DELL’OLFATTO NEI CANI     I sensi sono cinque, e sono quelle parti del corpo che con la loro attività fanno conoscere ogni aspetto della realtà: immagini delle cose, suoni, odori, sapori e Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: