ALPHA – UN’AMICIZIA FORTE COME LA VITA

 
di Albert Hughes, 2018
 
con Kodi Smit-McPhee, Jóhannes Haukur Jóhannesson, Leonor Varela, Natassia Malthe, Priya Rajaratnam.
 
 
 
 
 
Settimana scorsa vi ho parlato di un film di fantascienza, A-X-L, con un cane-robot, oggi invece vi racconto di questo film che si svolge circa 20.000 anni fa e che avanza un’ipotesi sull’incontro uomo-lupo.
 
Un ragazzo, Keda, deve sottostare ai riti di formazione per poter far parte del gruppo di cacciatori e procacciatori guidato dal padre, capo della tribù. Talento innato, buona intelligenza e coordinazione mano-occhio, ma Keda è sensibile e gli manca la brutalità richiesta dal mondo preistorico in cui vive.
Mentre è a caccia con gli adulti della sua tribù, a mesi di distanza dal proprio villaggio, un bisonte lo carica e lo fa cadere giù da una rupe. Il suo corpo si abbatte su una sporgenza nella roccia, non raggiungibile.
Ritenuto morto, dopo poco viene abbandonato a malincuore dal padre e dagli altri.
Rimasto solo e ferito, con varie ossa rotte, viene pure attaccato da un branco di lupi: per difendersi, ne ferisce uno, che viene a sua volta abbandonato dal branco.
L’essere entrambi abbandonati, soli e feriti li fa legare.
Keda cura il lupo, che decide di chiamare Alpha, dandogli da bere e da mangiare e rimettendolo in forze.
Alpha, dal canto suo, lo difendenderà dagli altri animali, aiutandolo a cacciare e accompagnandolo nel lungo e difficoltoso cammino verso casa..
 
L’alleanza che si instaufra tra Keda e Alpha dà origine a una nuova tribù per il ragazzo e a un nuovo branco per il lupo. Imparano l’uno dall’altro a integrare le proprie tecniche di sopravvivenza e caccia, facendosi forza e incoraggiandosi nella necessità di tirar fuori ogni briciolo di forza e volontà nella battaglia per la sopravvivenza in cui si trovano totalmente da soli contro un mondo brutale e ostile.
Nascerà così l’antico patto che cambiò la civiltà dei nostri antenati nomadi, cacciatori e guerrieri: amicizia incondizionata con quello che diventerà poi il cane.
 
La storia si svolge nel nord Europa e le riprese sono state fatte in Canada e Islanda.
La produzione del film fu investigata per la morte di cinque bisonti americani delle foreste durante le riprese del film.
 
Chuck Running Wolf, che interpreta il lupo grigio Alpha, è un cane lupo cecoslovacco di otto anni, allevato ad Anagni, in provincia di Frosinone, da Riccardo Lubrano, nell’allevamento Ricky’s Wolf e poi finito negli USA:
Già da cucciolo si era dimostrato docile, resistente allo stress e adatto ad essere addestrato per lavorare nel cinema.
Spiega Riccardo Lubrano: “La cucciolata di Chuck è stata scrupolosamente studiata tenendo in considerazione la salute anzitutto, ma anche caratteri tipici dei genitori, figli e nipoti di cani che hanno fatto la storia della nostra razza. L’unico maschio della cucciolata era lui e da subito ha mostrato delle caratteristiche fenotipiche di notevole tipicità oltre ad un carattere molto aperto, socievole ma soprattutto docile”.
 
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=UFYksI-MBSk
 
 
Risultati immagini per alpha film lupo locandina
 
 
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

Cani

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!     “Baby” è una serie televisiva italiana prodotta da Netflix, che si ispira liberamente allo scandalo delle “baby squillo” dei Parioli, risalente all’anno 2013, raccontando la vita Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: