ALPHA – UN’AMICIZIA FORTE COME LA VITA

 
di Albert Hughes, 2018
 
con Kodi Smit-McPhee, Jóhannes Haukur Jóhannesson, Leonor Varela, Natassia Malthe, Priya Rajaratnam.
 
 
 
 
 
Settimana scorsa vi ho parlato di un film di fantascienza, A-X-L, con un cane-robot, oggi invece vi racconto di questo film che si svolge circa 20.000 anni fa e che avanza un’ipotesi sull’incontro uomo-lupo.
 
Un ragazzo, Keda, deve sottostare ai riti di formazione per poter far parte del gruppo di cacciatori e procacciatori guidato dal padre, capo della tribù. Talento innato, buona intelligenza e coordinazione mano-occhio, ma Keda è sensibile e gli manca la brutalità richiesta dal mondo preistorico in cui vive.
Mentre è a caccia con gli adulti della sua tribù, a mesi di distanza dal proprio villaggio, un bisonte lo carica e lo fa cadere giù da una rupe. Il suo corpo si abbatte su una sporgenza nella roccia, non raggiungibile.
Ritenuto morto, dopo poco viene abbandonato a malincuore dal padre e dagli altri.
Rimasto solo e ferito, con varie ossa rotte, viene pure attaccato da un branco di lupi: per difendersi, ne ferisce uno, che viene a sua volta abbandonato dal branco.
L’essere entrambi abbandonati, soli e feriti li fa legare.
Keda cura il lupo, che decide di chiamare Alpha, dandogli da bere e da mangiare e rimettendolo in forze.
Alpha, dal canto suo, lo difendenderà dagli altri animali, aiutandolo a cacciare e accompagnandolo nel lungo e difficoltoso cammino verso casa..
 
L’alleanza che si instaufra tra Keda e Alpha dà origine a una nuova tribù per il ragazzo e a un nuovo branco per il lupo. Imparano l’uno dall’altro a integrare le proprie tecniche di sopravvivenza e caccia, facendosi forza e incoraggiandosi nella necessità di tirar fuori ogni briciolo di forza e volontà nella battaglia per la sopravvivenza in cui si trovano totalmente da soli contro un mondo brutale e ostile.
Nascerà così l’antico patto che cambiò la civiltà dei nostri antenati nomadi, cacciatori e guerrieri: amicizia incondizionata con quello che diventerà poi il cane.
 
La storia si svolge nel nord Europa e le riprese sono state fatte in Canada e Islanda.
La produzione del film fu investigata per la morte di cinque bisonti americani delle foreste durante le riprese del film.
 
Chuck Running Wolf, che interpreta il lupo grigio Alpha, è un cane lupo cecoslovacco di otto anni, allevato ad Anagni, in provincia di Frosinone, da Riccardo Lubrano, nell’allevamento Ricky’s Wolf e poi finito negli USA:
Già da cucciolo si era dimostrato docile, resistente allo stress e adatto ad essere addestrato per lavorare nel cinema.
Spiega Riccardo Lubrano: “La cucciolata di Chuck è stata scrupolosamente studiata tenendo in considerazione la salute anzitutto, ma anche caratteri tipici dei genitori, figli e nipoti di cani che hanno fatto la storia della nostra razza. L’unico maschio della cucciolata era lui e da subito ha mostrato delle caratteristiche fenotipiche di notevole tipicità oltre ad un carattere molto aperto, socievole ma soprattutto docile”.
 
Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=UFYksI-MBSk
 
 
Risultati immagini per alpha film lupo locandina
 
 
 
 
 
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto

CANI e GATTI e SEGNI ZODIACALI:  LEONE 23 luglio – 22 agosto     Un po’ per gioco, un po’ per scherzo, un po’ per allegria, ma soprattutto per divertimento, in questo articolo verranno descritte Leggi tutto…

Cani

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.

MUCCHE AL PASCOLO, ATTENZIONE.             Quando si fanno escursioni in montagna, è facile incontrare mucche al pascolo.   L’incontro con gli animali sul pascolo richiede prudenza. Occorre ricordare che un Leggi tutto…

Arte

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES

MONUMENTO FUNEBRE NELLA CATTEDRALE DI NANTES             La Cattedrale di Nantes, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, ospita il monumento sepolcrale dei Duchi più amati dai Bretoni: Francesco II di Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: