ALBERO DI NATALE

Le tradizioni famigliari variano da persona a persona e il momento che si sceglie per allestire l’albero di Natale è tra queste.
C’è chi lo fa l’ultima domenica di novembre, o la prima domenica di avvento, chi a S. Ambrogio e chi l’8 dicembre…qualcuno inizia molto tempo prima e qualcuno aspetta la Vigilia.

Per chi ha in casa degli animali è importante pensare alla loro sicurezza.

I fili elettrici dell’illuminazione rappresentano un grande rischio, e vanno ben celati; la curiosità di cani, gatti e conigli può creare corti circuiti con bruciature e ustioni se non situazioni ben più drammatiche come un principio di incendio.

Gli addobbi vanno scelti tra quelli più leggeri, infrangibili e non commestibili: quelli in vetro possono rompersi e lasciare schegge taglienti sul pavimento che potrebbero ferire i vostri amici pelosi, e non è raro che si mangino le varie decorazioni in cioccolato mettendo gravemente a repentaglio la loro salute.

La stabilità dell’albero va controllata, è molto facile che saltando o arrampicandosi li facciano cadere e se li tirino addosso con tutti i pericoli che questo comporta…spavento, danni, a volte contusioni e ferite.

Si vedono molte soluzioni fantasiose per rendere l’albero di Natale inaccessibile, proteggendolo con reti, gabbie, divisori a sbarre, staccionate in legno o metallo, avvolgendolo nella pellicola di nylon, appendendolo al soffitto o a una parete, circondandolo di aspirapolvere, mettendolo dentro bacheche di vetro, usando solo la parte più alta della pianta e lasciando la parte inferiore spelacchiata…o utilizzando un cactus!

Qualcuno utilizza ancora alberi veri, vivi con le radici, o presuti vivi come grossi rami veri di pino o di abete. Questi perdono gli aghi che possono conficcarsi nei polpastrelli o in altri parti morbide, inserirsi sotto la terza palpebra o essere aspirati dentro al naso…e possono anche essere leccati o ingeriti. Come già scritto in un articolo precedente, “Abete e Pino contengono resine e oli leggermente tossici, che, se mangiati o leccati possono provocare disturbi digestivi, nausea, eccessiva salivazione, mentre gli aghi del pino possono determinare un’ostruzione gastrointestinale.”  Il pavimento quindi va mantenuto sempre pulito e sgombro.

 

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

UN PERRO HA MUERTO (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda

UN PERRO HA MUERTO  (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda                   Neruda sentado junto al perro ‘Nyon’. / M. URRUTIA (FUNDACIÓN PABLO NERUDA)       Pablo Neruda (Parral, 12 luglio 1904 Leggi tutto…

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: