COME SEPARARE DUE CANI CHE SI AZZUFFANO?

Può succedere che due cani si azzuffino.

L’ aggressività può sopravvenire sia tra soggetti incompatibili, sia tra soggetti che sono sempre andati d’accordo…sia tra cani che convivono.

I motivi sono vari: la competizione per il cibo, per una femmina, per un gioco, per una risorsa, per la cuccia, per il territorio… A volte, per gelosia (senso di possesso).

Spesso si tratta solo di minacce “verbali”o di atteggiamento e, a parte un gran baccano e molto scompiglio, poi non succede nulla, soprattutto tra maschi di uguale taglia.

A volte però passano dall’intimidazione all’azione (spesso avviene anche tra femmine) e possono ferirsi in modo più o meno grave.

In queste situazioni il nostro istinto ci farebbe intervenire per separarli, ma è sconsigliato, perché pericoloso per noi.

Quando i cani si sentono bloccare, strattonare, tirare, si agitano di più e si rischia di essere morsicati per sbaglio.

Anche gridare non serve, perché così si aumenta il livello di aggressività.

Di seguito alcuni suggerimenti, che risultano però più efficaci e sicuri in presenza dell’eventuale altro proprietario. Se si è da soli dividere i due cani diventa più difficoltoso e pericoloso.

Il metodo più efficace è quello di rovesciare dell’acqua addosso ai due contendenti.

Questo gesto improvviso e imprevisto li sorprenderà, spaventandoli e distraendoli per un attimo, e così potremo intervenire per dividerli (metodo da me utilizzato con successo).

Semplice e facile se si è in casa con acqua e rubinetti a disposizione, o in area cani provvista di fontanella e recipienti, più complicato quando si è per strada o in altri posti. Per questo motivo, oltre che per dissetarli o pulire superfici imbrattate da loro, sarebbe bene avere sempre una bottiglia di acqua a disposizione.

Un altro metodo è quello di inserire qualcosa tra di loro che possa fungere da barriera fisica.

Può essere una scopa, una sedia, un bastone, un ombrello, che faccia lasciar loro la presa…meglio evitare invece le proprie gambe.

L’interruzione del contatto visivo è un altro sistema valido.

Va lanciato sul loro capo un asciugamano, una coperta, una giacca, qualcosa che impedendo la vista dell’altro li distragga e li faccia smettere così di mordersi.

Anche negli incontri/incroci con cani non compatibili prevenire il contatto visivo è molto utile e permette di non innescare atteggiamenti aggressivi.

(Un semplice foulard sugli occhi di uno dei cani ha permesso più volte sui sentieri di montagna, dove non c’è spazio per allontanarsi, di poter proseguire la passeggiata passando di lato, a pochi centimetri, ad altri cani poco graditi)

Riuscire riconoscere i segnali di insofferenza e aggressività è molto importante, per poter anticipare le loro mosse e intervenire per disinnescare la situazione.

A volte è sufficiente distrarli con un forte rumore improvviso, e allontanarli velocemente.

Quando si è fuori con il proprio cane, è necessario mantenere sempre alta la vigilanza e l’attenzione, per poter prevedere e prevenire situazioni incresciose.

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
Categorie: CaniComportamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO

PATENTINO CANE SPECIALE A MILANO           I proprietari e detentori delle seguenti razze sono tenuti a conseguire il Patentino, in conformità all’articolo 8 del nuovo Regolameto di Tutela Animali: American bulldog, Leggi tutto…

Arte

LA GRECA CON IL LEVRIERO

LA GRECA CON IL LEVRIERO     “La greca con il levriero” è una statua di Carlo Fait (Rovereto 1877-Torino 1968).   Si trova a Rovereto, a palazzo Alberti, dove ci sono due sale dedicate Leggi tutto…

Cani

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!

LA CONCHECTOMIA È VIETATA, NON VA PUBBLICIZZATA!     “Baby” è una serie televisiva italiana prodotta da Netflix, che si ispira liberamente allo scandalo delle “baby squillo” dei Parioli, risalente all’anno 2013, raccontando la vita Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: