24 APRILE, CHI SI RICORDA DI SNUPPY ?

 

Il 24 aprile 2005 nasceva Snuppy, un levriero afgano clonato, dopo una sperimentazione durata due anni e otto mesi.

Un gruppo di ricercatori coreani aveva prelevato una cellula dell’orecchio di un levriero afgano di tre anni, Thai, e l’aveva trapiantata in una cellula uovo privata del materiale genetico. Una Labrador Retriever aveva fatto da mamma surrogata.

Vennero eseguiti oltre mille trasferimenti embrionali su più di cento madri, ma solo tre diedero origine a gravidanze di cui una si risolse in un aborto spontaneo e da un’altra nacque un cucciolo che morì per polmonite a tre settimane.

Solo Snuppy (il nome fa riferimento all’istituto dove venne svolta la sperimentazione Seoul National University unito alla parola cucciolo – puppy – che presenta un’assonanza col celebre bracchetto Snoopy) sopravvisse.

La tecnica utilizzata era la stessa di quella usata per la pecora Dolly e altri mammiferi: il trasferimento nucleare di una cellula somatica (somatic-cell nuclear transfer).

Lo scopo prefissato era la prospettiva di produrre linee di cellule staminali, e quella di studiare alcune malattie genetiche umane, partendo da embrioni di cane clonati.

Ci furono molte polemiche.

Si discusse sulle questioni etiche legate al tema della clonazione in generale, e a quella della creazione di repliche del migliore amico dell’uomo. Che infatti diventasse possibile clonare anche il proprio cane venne visto da qualcuno come rischioso, perché si poteva veicolare il messaggio che per i proprietari fosse possibile riportare in vita i loro cari animali (cosa a quanto pare poi accaduta).

Il team di ricercatori cercò di tranquillizzare l’opinione pubblica, sottolineando piuttosto le potenzialità della tecnica, e i benefici per la veterinaria derivanti dalle staminali embrionali.

Snuppy qualche tempo dopo, grazie all’inseminazione artificiale di femmine anch’esse clonate, divenne anche padre di dieci cuccioli.

Condusse tutta la sua vita nell’Istituto.

Morì a dieci anni, nel maggio 2015.

 

 

Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
Categorie: CaniRicorrenzeVarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

Cani

IL SENSO DELL’OLFATTO NEI CANI

 IL SENSO DELL’OLFATTO NEI CANI     I sensi sono cinque, e sono quelle parti del corpo che con la loro attività fanno conoscere ogni aspetto della realtà: immagini delle cose, suoni, odori, sapori e Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: