25 LUGLIO SAN CRISTOFORO

 

 
 
 
 
Secodo la leggenda, era nato nel terzo secolo dopo Cristo in Asia con il nome di Reprobo.
Era un guerriero di forza eccezionale e dalla corporatura enorme, descritto come un vero gigante dall’aspetto orrido, cinocefalo (dotato di testa di cane).
Volendo dedicarsi al bene, si mise sulle rive di un fiume per traghettare le persone da una riva all’altra.
 Risultati immagini per San Cristoforo Cinocefalo
 
Un giorno dovette trasportare sulle spalle un bambino, ben presto però si rese conto di avere sulle spalle un peso molto consistente che continuava ad aumentare; voltatosi indietro per capire cosa stesse succedendo, si accorse della presenza del Cristo -di cui gli avevano parlato alcuni suoi amici monaci- che gli rivelò che sulle spalle non stava portando unicamente il peso del bambino, ma quello del mondo intero.
 Risultati immagini per San Cristoforo Cinocefalo
Si fece battezzare con il nome di Cristoforo (portatore di Cristo) e convertendosi al cristianesimo iniziò un intensa attività di propaganda cristiana all’interno dell’esercito imperiale di cui faceva parte.
Denunciato e condotto davanti a un tribunale, fu condannato a diversi supplizi: venne battuto con verghe, ferito con frecce, buttato nel fuoco.
Rimasto indenne a tutti i tormenti precedenti, fu decapitato nel 250.
 Risultati immagini per San Cristoforo Cinocefalo
In ambito agiografico la figura di San Cristoforo pone diversi problemi, in quanto abbina elementi di leggenda ed elementi storici. Non esistono dubbi sull’esistenza reale del martire, sono molte le testimonianze del suo culto sin dai tempi antichi, dal V secolo in poi e in tutti i racconti relativi alla sua esistenza si fa sempre riferimento al suo desiderio di sfruttare l’utilizzo del coraggio e della forza a difesa di Dio e a servizio del prossimo.
 Immagine correlata       Immagine correlata
La raffigurazione di San Cristoforo come cinecefalo che si trova nella vecchia tradizione cristiana orientale, e in quella ortodossa, fa pensare alla sua figura come alla versione cristiana di Anubi, dio pagano, raffigurato con testa di cane e forma umana o come cane nero (più propriamente uno sciacallo): le ragioni di questa rappresentazione sarebbero riconducibili all’incarico della divinità egizia Anubi di treghettare le anime tra il regno dei vivi e quello dei morti.
I Greci ebbero un contatto continuativo con la cultura egiziana. Anubi era un loro dio ai tempi degli dei dell’Olimpo, non poteva non esserlo anche al tempo del Cristianesimo…
Risultati immagini per anubi cinocefalo
 
Nella Bibbia e nella tradizione cristiana i giganti vengono sovente interpretati come discendenti di Caino: barbari cannibali mostruosi, che con i loro corpi eccessivi rappresentano l’estremo della corporeità stessa: “cainita” (figlio di Caino), “cananeo” (gigante di Canaan), e “caninita”- “canineus” (uomo-cane).
La simbologia dell’ibrido (gigante e testa di cane) rappresenta certo la trasformazione ma anche i margini dell’uomo e i margini del mondo, quella animalità che è il limite spaziale corporale di un individuo e il termine ultimo temporale della vita terrena.
 Risultati immagini per San Cristoforo Cinocefalo
La raffigurazione di san Cristoforo Cinecefalo fu dovuta a un retaggio di culti pagani legati al moto astronomico di Sirio, la stella più lucente della costellazione del Cane Maggiore: il santo viene celebrato il 25 luglio ed è chiaro il riferimento astronomico al periodo della “canicola”, in cui il sorgere e tramontare di Sirio coincidono con quelli del Sole.
 
Risultati immagini per San Cristoforo Cinocefalo
In Italia, nel tardo Medioevo, si divulgò la credenza, mutuata dalla Grecia, che se si vedeva san Cristoforo di mattina si era protetti dalla morte improvvisa per l’intera giornata. Fu così che vennero fatti dipinti di dimensioni colossali nei punti più alti e visibili delle chiese, e soprattutto sui campanili.
 
 
 
Risultati immagini per affresco san cristoforo facciata chiesa campanile
Risultati immagini per affresco san cristoforo facciata chiesa campanile
Immagine correlata
Vicla Sgaravatti
Medico Veterinario
via Rembrandt 38- Milano
02 4009 1350
martedì e giovedì 15-19
sabato 9,30-12,30
Altri orari per appuntamento.
Categorie: ArteCaniRicorrenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cani

UN PERRO HA MUERTO (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda

UN PERRO HA MUERTO  (UN CANE È MORTO) di Pablo Neruda                   Neruda sentado junto al perro ‘Nyon’. / M. URRUTIA (FUNDACIÓN PABLO NERUDA)       Pablo Neruda (Parral, 12 luglio 1904 Leggi tutto…

Cani

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT

TANT PIS (TANTO PEGGIO) – di JACQUES PREVERT   TANT PIS Faites entrer le chien couvert de boue Tant pis pour ceux qui n’aiment ni les chiens ni la boue Faites entrer le chien entièrement Leggi tutto…

Cani

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

INTOSSICAZIONI NEGLI AMICI A QUATTRO ZAMPE     MOLTO IMPORTANTE! Scaricate l’opuscolo al link sotto, e conservatelo! Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo divulgativo sulle intossicazioni degli animali domestici: “Come prevenire e curare Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: